Home Attualità “Nessuna prenotazione alla mostra d’arte sacra”

“Nessuna prenotazione alla mostra d’arte sacra”

CONDIVIDI

Alessandro Bussotti, il dirigente scolastico della scuola elementare “Matteotti” di Firenze al centro di polemiche perché in alcune classi sarebbe stata negata la visita alla mostra Bellezza divina a Palazzo Strozzi, che comprende anche dipinti di Van Gogh, Chagall e Munch, perché avrebbe offeso la sensibilità delle famiglie non cattoliche, nega le accuse in una lettera al direttore del quotidiano La Nazione, che ha riportato oggi la notizia: “Nel servizio si fa riferimento a voci che non trovano alcun riscontro nella realtà, né tantomeno a posizioni espresse ufficialmente dai docenti della scuola – precisa Bussotti -. Nel corso del consiglio di interclasse non è stata pronunciata la frase pubblicata sul suo quotidiano, presumibilmente desunta da una ricostruzione fatta in modo soggettivo da un rappresentante dei genitori. La visita alla mostra non è stata annullata in quanto mai prenotata. Le visite a musei o mostre sono oggetto di valutazione in seno all’attività di programmazione, alla cui base sono solo motivazioni esclusivamente di natura didattica, proprie della professionalità docente e non certamente mai di ordine religioso”.

“Il presunto caso è smentito di per sé dalla tradizione di rispetto, libertà, dialogo e tolleranza che ha sempre caratterizzato la scuola Matteotti – conclude Bussotti -, valori che contraddistinguono la nostra cultura, intesa come patrimonio di ricerca della verità per il tramite delle sue radici storiche, di cui la dimensione religiosa è componente ineludibile, nel suo reciproco relazionarsi con tutte le altre”.

Icotea