Home Attualità Niente più sospensioni ma lavori socialmente utili

Niente più sospensioni ma lavori socialmente utili

CONDIVIDI

In Piemonte già 1.200 studenti hanno scambiato la sospensione dalle lezioni a scuola con il volontariato, grazie all’accordo siglato tra il Centro territoriale per il volontariato (CTV) di Biella-Vercelli, Regione Piemonte, Ufficio scolastico regionale per il Piemonte e Forum per il volontariato. L’obiettivo è quello di  “Risarcire il danno” attraverso lavori socialmente utili presso associazioni di volontariato al posto della sospensione dalle lezioni, avviando un cammino di maturazione per reinserirsi pienamente nella società.

Il fine dell’iniziativa, evidenzia il Csvnet all’Adnkronos, il Coordinamento Nazionale dei Centri di Servizio per il Volontariato, tra i promotori, è la costituzione di una rete di collaborazione tra la scuola ed il mondo del volontariato per favorire un concreto confronto con i valori della solidarietà e l’assunzione di stili di comportamento positivi, offrendo un ventaglio di opportunità per favorire la crescita dei giovani.

Icotea

Tra gli altri punti di forza vanno poi citati la possibilità di avere una formazione non formale, di essere inseriti in attività con orari e tempi definiti come quelli lavorativi, scoprire il volontariato; e naturalmente, per i docenti, avere un ritorno su come lo studente colpito da una sanzione si comporta quando si impegna in attività extrascolastiche.

Gli istituti scolastici interessati a partecipare sono invitati a contattare il Centro sia per richiedere eventuali ulteriori informazioni sia per aderire al progetto.

Al fine di realizzare l’attività, il Forum del volontariato ed il CTV stipulano con ogni scuola una convenzione nella quale si garantisce la copertura assicurativa agli studenti coinvolti (a cura del Forum), il tutoraggio di ogni percorso e l’indicazione del referente/tutor dei soggetti interessati (Forum, CTV e istituto).

Dal 2008 sino all’anno scorso sono stati circa 1200 i ragazzi sottoposti a sanzione disciplinare che hanno seguito i percorsi alternativi proposti dal Forum del volontariato in tutto il Piemonte, mentre le scuole che hanno aderito al progetto sono più di 80, di cui una cinquantina solo a Torino. Si tratta soprattutto di istituti tecnici-professionali, anche se non sono mancate richieste di interventi di recupero per gli studenti dei licei.

 

{loadposition deleghe-107}

 

I rapporti con le famiglie sono gestiti esclusivamente dai docenti referenti e, per ogni studente, viene ideato un percorso personalizzato (non inferiore a tre mezze giornate), in accordo con il docente e condiviso con il consiglio di classe, che potrà essere realizzato al mattino in sostituzione della frequenza delle lezioni o esclusivamente al pomeriggio dopo la scuola nel caso in cui la sospensione preveda anche la frequenza obbligatoria delle lezioni.

Così come avviene in Piemonte anche nelle Marche è nato un progetto per percorsi formativi alternativi alle sanzioni disciplinari, che alcuni giorni fa ha visto la firma di due accordi tra l’istituto professionale ‘G.Benelli’ di Pesaro, l’istituto superiore Polo 3 di Fano, il CSV Marche e undici organizzazioni di volontariato del territorio (Aias, Città della gioia, Amici dell’ippoterapia, Gulliver, Anteas provinciale, Millevoci, Ato Marche, At Davide De Marini, Auser Fano, Giustizia e pace, Enpa, a cui nei giorni seguenti si è aggiunta anche l’Avis Fano). L’esperienza, che ha già avuto dei precedenti analoghi in altre zone d’Italia, è invece la prima del genere nelle Marche ad essere formalizzata in un protocollo.

Il protocollo prevede infatti che agli studenti destinatari di provvedimenti di sospensione per motivi disciplinari si propone un’esperienza di volontariato nelle associazioni locali, come opportunità di crescita personale, di impegno e responsabilità.

In pratica, si legge su Adnkronos,  quando il consiglio di classe, per comportamenti particolarmente gravi e reiterati, arriva a deliberare l’allontanamento dello studente dalle attività scolastiche, per un tot di giorni, può convertire la sanzione in ore di attività socialmente utili, da svolgersi in una realtà di volontariato. Il tutto si realizza in accordo con la famiglia che viene coinvolta e chiamata ad accettare questo percorso.

Queste esperienze rientrano nel più ampio programma di progetti (20) finanziati attraverso il recente bando del ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca per favorire il volontariato a scuola. E tutti e 20 saranno realizzati dagli istituti vincitori in collaborazione con organizzazioni di volontariato e di terzo settore e con i Centri di servizio per il Volontariato.

Le iniziative interessano 12 regioni, per un totale di 470.244,69 euro a disposizione. Il bando si intitola ‘Laboratori di cittadinanza democratica condivisa e partecipata: educazione al volontariato sociale e alla legalità corresponsabile’. Le 12 regioni interessate sono: Veneto, Lombardia, Piemonte, Liguria, Emilia-Romagna, Toscana, Abruzzo, Lazio, Campania, Puglia, Calabria, Sicilia.

Viene così premiata l’esperienza dei Centri di servizio nella promozione del volontariato all’interno delle scuole. Infatti, secondo l’ultimo report annuale sono ben 66 su 71 i CSV che realizzano ogni anno iniziative rivolte agli studenti, con varie metodologie. Circa 1.600 le scuole partecipanti in tutta Italia, tra cui 42 università, con quasi 160mila studenti e 4.000 docenti coinvolti.