Home Archivio storico 1998-2013 Generico Nomina supplenze: genitori invitati a segnalare le irregolarità

Nomina supplenze: genitori invitati a segnalare le irregolarità

CONDIVIDI
  • Credion
Se i dirigenti scolastici non nominano tempestivamente i supplenti per sostituire i titolari assenti, i genitori potranno segnalare la situazione direttamente al dirigente dell’Ufficio scolastico provinciale: è questa la conclusione alla quale si è giunti a Bologna, dopo un incontro fra il direttore dell’USP Luciano Chiappetta e una delegazioni di genitori in rappresentanza di una quindicina di scuole dell’intera provincia.
Lo rendono noto gli stessi genitori attraverso il sito Retescuole che da anni raccoglie e diffonde informazioni e documenti dei diversi movimenti (a difesa del tempo pieno, della scuola pubblica, contro le indicazioni nazionali, ecc…) nati negli ultimi anni.
Ai genitori bolognesi il direttore Chiappetta avrebbe  ribadito che i dirigenti scolastici devono sostituire gli insegnanti assenti anche per pochi giorni, senza ricorrere a metodi molto diffusi ma da considerarsi del tutto illegittimi oltre che dannosi sul piano didattico.
In particolare il direttore dell’USP di Bologna avrebbe evidenziato che non è ammissibile suddividere gli alunni in altre classi in caso di assenza dell’insegnante titolare; né l’assenza può essere coperta dall’ insegnante di sostegno assegnata alla stessa classe.
Allo stesso modo, riporta il comunicato di Retescuole, “gli insegnanti di religione, di attività alternativa e inglese non possono fare supplenza, perché  hanno già il loro lavoro”.
Il direttore dell’USP bolognese ricorda anche che la mancanza di fondi non può essere considerata un ostacolo al conferimento di supplenze; ma, stando al comunicato di Retescuole, nel corso dell’incontro non è stato approfondito il caso di difficoltà nel reperire supplenti per esaurimento delle graduatorie, molto frequente nelle scuole dell’infanzia e in quelle primarie soprattutto in diverse province del nord.
I genitori promotori dell’iniziativa  invitano ora i rappresentanti di classe a segnalare immediatamente tramite fax all’Ufficio scolastico provinciale le irregolarità e i disservizi connessi con il ritardo nella nomina dei supplenti.