Home Archivio storico 1998-2013 Attività parlamentare Opzioni del triennio degli istituti tecnici e professionali: pubblicati i decreti definitivi

Opzioni del triennio degli istituti tecnici e professionali: pubblicati i decreti definitivi

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Nella Gazzetta Ufficiale del 23 luglio 2012 sono stati pubblicati, fa sapere la Flc-Cgil, i decreti interministeriali emanati dal Ministro dell’Istruzione di concerto con il Ministero dell’economia, datati entrambi 24 aprile 2012, concernenti l’ulteriore articolazione delle aree di indirizzo del triennio degli istituti tecnici e professionali in un numero contenuto di opzioni incluse in un apposito elenco nazionale.
Entrambi i documenti sono costituiti:
• dal testo del decreto interministeriale,
• dall’allegato A, che definisce gli Ambiti – Criteri – Modalità inerenti l’articolazione delle aree di indirizzo in opzioni
• dall’Allegato B, costituito dall’elenco delle opzioni nonché, per ciascuna opzione, dal profilo in uscita del diplomati e dal quadro orario.
Per gli istituti professionali sono previste le seguenti 10 opzioni:
1. Apparati, impianti e servizi tecnici industriali e civili
2. Manutenzione dei mezzi di trasporto
3. Arredi e forniture d’interni
4. Produzioni audiovisive
5. Produzioni artigianali del territorio
6. Produzioni tessili-sartoriali
7. Promozione commerciale e pubblicitaria
8. Gestione risorse forestali e montane
9. Valorizzazione e commercializzazione dei prodotti agricoli del territorio
10. Prodotti dolciari artigianali e industriali
Per gli istituti tecnici il repertorio prevede le seguenti 10 opzioni:
1. Tecnologie del cuoio
2. Tecnologie del legno nelle costruzioni
3. Tecnologie cartarie
4. Tecnologie dell’occhiale
5. Tecnologie delle materie plastiche
6. Costruzioni aeronautiche
7. Costruzioni navali
8. Conduzione del mezzo aereo
9. Conduzione del mezzo navale
10. Conduzione di apparati e impianti marittimi
Il decreto sugli istituti tecnici regolamenta anche il percorso per il conseguimento della specializzazione in “Enotecnico” (allegato B11), attraverso la frequenza di un sesto anno dell’indirizzo «Agraria, agroalimentare e agroindustria».
I decreti precisano che l’attivazione delle opzioni deve essere in ogni caso effettuata nei limiti delle dotazioni organiche assegnate a legislazione vigente.

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese