Home Attualità Palù: la pillola anticovid forse a breve e vaccino per i bambini

Palù: la pillola anticovid forse a breve e vaccino per i bambini

CONDIVIDI

Mentre a Bannalec, comune francese nella regione della Bretagna, è stata individuata una nuova variante del coronavirus “molto diversa” dalle altre e con 24 casi confermati: 18 studenti e sei adulti nella scuola Mona Ozouf, Giorgio Palù il presidente dell’Aifa, dichiara a Porta a Porta su Rai1: “Sulle pillole anti-Covid di Pfizer e Merck, che trattano l’infezione già in atto con sintomi, l’Aifa sta valutando così come Ema di farli arrivare a breve. Anche il vaccino per i bambini sarà autorizzato da Aifa, una volta avuto il via libera di Ema”. 

E poi ha proseguito, relativamente ai vaccini anticovid pediatrici: “Sappiamo che prima i bambini si infettavano meno ora non è più così: con la variante Delta il virus è più infettivo, rapido, e sappiamo che nei bambini ci sono manifestazioni come sintomi plurinfiammatori. E’ sempre una valutazione rischio-beneficio. E’ una scelta che va fatta con molta oculatezza”. 

Icotea

“L’Aifa sta le sta valutando – così come Ema che ha il dossier- e questi farmaci potrebbero arrivare a breve: li prescriverà il medico di famiglia e si faranno a casa. Abbiamo chiesto di valutare il dossier. Ce l’avrà L’Ema, faremo una valutazione del dossier ci vorranno un po’ di giorni, un paio di settimane”. 

E a Natale ci sarà il  picco di contagi? Oltre a non escluderne la possibilità, il presidente Aifa ha detto:  “Non sono un veggente, ma se consideriamo gli altri virus respiratori, Natale o gennaio potrebbe essere: la decisione presa per estendere il vaccino da 40 anni in su è necessario. Il SarsCoV2 è un virus respiratorio che si diffonde per via aerea ed è più facile che i contagi aumentino nel periodo compreso fra Natale e gennaio, soprattutto perché le attività si svolgono al chiuso”.