Home Archivio storico 1998-2013 Generico Pantaleo (Flc): “Nessuna polemica con i Cobas”

Pantaleo (Flc): “Nessuna polemica con i Cobas”

CONDIVIDI
  • Credion

Tutto è pronto in casa Flc per dare il via ad una serie di iniziative finalizzate a rimettere la scuola (ma non solo) al centro del dibattito politico e sindacale.
Iniziative che si intrecciano però con le polemiche che proprio in questi giorni coinvolgono il sindacato confederale e i sindacati di base.
Ne parliamo con Mimmo Pantaleo, segretario nazionale del sindacato.

La prima iniziativa in programma è l’assemblea nazionale dei precari della conoscenza che si terrà sabato 15 a Roma. Di che si tratta ?
Pantaleo:
“Sarà una assemblea di tutti i precari che operano nei settori pubblici e privati della conoscenza; l’obiettivo è quello di mettere in campo una proposta politica complessiva proprio sulla questione del precariato nella conoscenza”

In che modo pensate di raggiungere l’obiettivo ?
Pantaleo:
“Bisogna pensare ad un piano di iniziative a sostegno della proposta sindacale. Lo sottolineo: in gioco non c’è solo la scuola, ma l’intero settore dalla conoscenza, dall’università alla ricerca. Il nostro progetto è quello di creare un coordinamento nazionale del precariato, come peraltro è stato evidenziato anche nel corso del congresso nazionale della Cgil”

Ma si tratta di una assemblea per i soli iscritti ?
Pantaleo:
“Assolutamente no, l’iniziativa è della Flc, ma ovviamente siamo interessati al confronto con altri soggetti”

Passiamo ad un altro tema, la polemica con i Cobas sullo sciopero degli scrutini
Pantaleo:
“Ma non c’è nessuna polemica ! I fatti sono semplici e chiari: un’altra organizzazione sindacale ha indetto uno sciopero; noi, in una lettera interna, ci siamo limitati a spiegare per quali motivi non condividiamo questa forma di lotta; da parte nostra non c’è né boicottaggio né tanto meno crumiraggio”

Veniamo al dunque: se vostri iscritti decidessero di partecipare allo sciopero, come vi comporterete ?
Pantaleo:
“Non faremo proprio nulla. Non sarebbe la prima volta che ad uno sciopero di un certo sindacato partecipassero anche iscritti ad altri sindacati. L’adesione allo sciopero è un fatto individuale, ogni lavoratore è del tutto libero di comportarsi come ritiene”

Ma allora perché avete scritto che lo sciopero degli scrutini è sbagliato ?
Pantaleo:
“Mi pare che una grande organizzazione abbia non solo il diritto ma il dovere di intervenire nel dibattito politico sindacale e di dire come la pensa
rispetto alle iniziative e alle forme di lotta da intraprendere. Ripeto: la polemica mi pare del tutto fuori luogo”.

Icotea