Home Pensionamento e previdenza Pensioni, entro il 2050 tutti in pensione a 68 anni: il monito...

Pensioni, entro il 2050 tutti in pensione a 68 anni: il monito Fmi non riguarda l’Italia

CONDIVIDI

Il Fondo monetario internazionale ha pubblicato uno studio, condotto su 80 Paesi, dal quale risulta che la spesa pubblica in pensioni aumenterà di 2 punti percentuali di Pil entro il 2050: per le economie avanzate l’aumento sarà di 1 punto di Pil, per quelle emergenti di 2,5 punti.

Per l’Fmi, nelle economie avanzate gli “attuali lavoratori per mantenere i loro attuali standard di vita dovranno lavorare più a lungo e risparmiare di più”.

“I lavoratori devono risparmiare di più”

L’Italia, però, per una volta non è nel mirino del Fondo monetario, per il quale per andare in pensione l’età media dei Paesi dovrebbe salire dagli attuali 63 anni a 68 anni entro il 2050.

ICOTEA_19_dentro articolo

Allo stesso tempo i lavoratori devono risparmiare di più, circa il 6% in più all’anno. Perché, ha sottolineato l’Fmi, “senza aggiustamenti dal punto di vista delle tasse o di altre spese, l’aumento della spesa” pubblica per le pensioni “porterà a un calo dei risparmi pubblici”.

Le ripercussioni

“In diverse economie avanzate – esorta il Fondo monetario – i più giovani dovranno risparmiare significativamente di più e posticipare la pensione di diversi anni per usufruire di benefit pensionistici simili a quelli dei pensionati di oggi”.

“Il calo del tasso di fertilità, insieme all’aumento dell’aspettativa di vita, si tradurrà in una popolazione più anziana in diversi decenni”, ha sottolineato il Fondo, precisando che questo ha ripercussioni anche sulla composizione della forza lavoro.

In Italia risultato raggiunto 30 anni prima

Ora, considerando che la contro-riforma Monti-Fornero non è arrivata, essendo quota 100 (per la quale le prossime ore risulteranno decisive ai fini della stesura finale del testo) una sperimentazione triennale e tutt’altro che strutturale, l’Italia tra tre anni si ritroverà probabilmente di nuovo con i parametri pensionistici attuali: per andare in pensione serviranno almeno 67 anni di età anagrafica.

Salvo eventuali ulteriori innalzamenti, a causa di un altro incremento dell’aspettativa media di vita nel Belpaese.

Quindi, la soglia per lasciare il lavoro, indicata dal Fondo monetario internazionale a 68 anni, per l’Italia non sarebbe un obiettivo da raggiungere. Ma solo da confermare, se non addirittura superare.

Leggi anche

Quota 100, al Mef i conti non tornano: sino all’ultimo modifiche possibili
Quota 100, conto alla rovescia per il decreto. Cosa accadrà per Tfs dipendenti pubblici
Pensioni, Di Maio promette: quota 41 si farà. Intanto il 17 gennaio quota 100 arriva in CdM
Pensioni quota 100, il Governo non s’è dimenticato dei docenti: potranno fare domanda sino al 28 febbraio
Quota 100, un bluff? Sinopoli (Cgil): così fanno fuori docenti e Ata, per il Tfr servirà il mutuo
Quota 100, sorridono docenti e Ata: per arrivare a 62 anni e 38 di contributi varrà tutto il 2019
Quota 100 discriminante: in pensione con 38 anni di contributi, no chi ne ha 41. Landini (Cgil): “che c…o di giustizia è?”
Pensioni, quota 100 penalizza Centro-Sud e donne. Di quota 41 si sono perse le tracce
Quota 100, domande a gennaio per lasciare in estate: buonuscita subito con le banche, interessi a carico dei lavoratori

Pensioni, 315mila potenziali quota 100, 120mila solo statali