Home Personale Pensioni quota 100, rimangono i debiti contributivi contratti

Pensioni quota 100, rimangono i debiti contributivi contratti

CONDIVIDI

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale, il decreto legge (DL 4/2019) su quota 100 e sul reddito di cittadinanza.

CLICCA QUI per la versione in PDF per la stampa.

Pace contributiva e quota 100

Un aspetto da considerare riguarda i debiti contributivi. Il riscatto sperimentale (richiedibile solo per tre anni, fino al 2021), si applica solo per periodi scoperti da contributi, non sottoposti ad alcun obbligo di contribuzione.

ICOTEA_19_dentro articolo

Così come segnala la Fondazione Consulenti del Lavoro, i requisiti consistono nel non avere contribuzione obbligatoria prima del 1996 e nell’avere periodi senza contributi compresi nel periodo fra l’inizio della contribuzione e il momento della richiesta.

Il periodo massimo richiedibile è di 5 anni; il costo è calcolato con il metodo percentuale, applicando l’aliquota IVS vigente (fra il 33% e il 34%) sull’ultimo imponibile previdenziale da lavoro maturato nelle 52 settimane antecedenti alla richiesta.

L’onere può essere rateizzato in 5 anni senza interessi, con rate minime mensili da 30 euro.

La norma specifica che costituisce un onere detraibile al 50%, spalmabile su 5 anni di imposta (da quello di pagamento dell’onere al quadriennio successivo).

LEGGI ANCHE
Pensioni, le info per Opzione Donna. Domande entro il 28 febbraio
Pensioni quota 100, tutto quello che c’è da sapere sull’Ape Sociale
Pensioni quota 100, differimento pagamento del Tfr. Tutte le info utili
Pensioni quota 100, come presentare la domanda. Messaggio Inps [PDF]
Riscatto laurea, risparmio fino al 55% per gli under 45. Le info utili
Pensioni quota 100, simulazione: gli importi per docenti e Ata
Pensioni quota 100, ecco il testo del decreto in Gazzetta Ufficiale [PDF]
Pensioni, le info per Opzione Donna. Domande entro il 28 febbraio