Home I lettori ci scrivono Perché nel Belpaese le ore di arte sono così esigue?

Perché nel Belpaese le ore di arte sono così esigue?

CONDIVIDI

Nello speciale clima di riforme della scuola italiana, ad opera – quasi esclusiva – del ministro dell’Istruzione Bianchi, da Orazio Ruscica, segretario nazionale Snadir (Sindacato nazionale autonomo degli insegnanti di religione), giunge un’ulteriore proposta. Egli afferma: «Frequentare l’ora di religione cattolica a scuola non è come fare catechismo. Anzi, considerando la rilevanza della disciplina, nel fornire le chiavi interpretative dell’esistenza, servirebbero due ore anziché una a settimana». 

Che dire? Evito di commentare. Il tema è delicato. E assai insidioso. Di certo bisognerebbe discuterne tutti di queste proposte. Di certo sarebbe necessaria una riflessione collettiva – autentica, plurale – sul ruolo sociale e politico della scuola, oggi. E di eventuali cambiamenti. 

Icotea

E comunque, approfittando di questo speciale clima di riforme della scuola italiana, mi chiedo: come mai, nel Belpaese, nel Paese che possiamo considerare un vero e proprio museo diffuso, nel Paese con più siti Unesco al mondo, nel paese che punta decisamente a un ulteriore incremento culturale e turistico, nel Paese del “made in Italy”, nelle scuole di ogni ordine e grado le ore di arte sono così esigue? 

Certo, riuscire a realizzare vere riforme – possibilmente migliorative – in ambito scolastico, a seguito del  taglio di 4 miliardi di fondi all’istruzione, da parte del governo Draghi, ci sembra complicato. Ma, evidentemente, il ministro Bianchi è un indomito ottimista. Noi docenti italiani, invece, siamo diventati degli inguaribili scettici.   

Leandro Janni