Home Formazione iniziale Periodo di formazione e prova docenti neoassunti, sintesi delle azioni conclusive

Periodo di formazione e prova docenti neoassunti, sintesi delle azioni conclusive

CONDIVIDI

I docenti neoassunti nell’a.s. 2021/22 si stanno avviando verso la conclusione dell’anno di formazione e prova.

L’USR Veneto, con nota del 31 maggio scorso, ha riepilogato le principali azioni che gli insegnanti in questione dovranno mettere in atto entro la fine dell’anno scolastico.

Icotea

Innanzitutto, ricordiamo i riferimenti normativi, che sono il D.M. 850 del 27 ottobre 2015 e il D.M. 310 del 27 ottobre 2021.

Tali norme prevedono che il Comitato di valutazione si riunisca, su convocazione del Dirigente Scolastico, al termine dell’anno di formazione e prova, nel periodo intercorrente tra il termine delle attività didattiche – compresi gli esami di qualifica e di Stato – e la conclusione dell’anno scolastico. Il Comitato è chiamato ad esprimere parere sul superamento del periodo di formazione e prova.

Il docente/educatore in periodo di formazione e prova, innanzi al Comitato, sostiene un colloquio, che prende avvio dalla presentazione delle attività di insegnamento e formazione e della relativa documentazione contenuta nel portfolio professionale, consegnato preliminarmente al Dirigente Scolastico, che lo trasmette al Comitato almeno cinque giorni prima della data fissata per il colloquio.

Il parere del Comitato è obbligatorio, ma non vincolante per il Dirigente Scolastico, che può discostarsene con atto motivato.

Condizioni per il superamento del periodo di prova

Il superamento del periodo di formazione e prova è subordinato:

a. allo svolgimento del servizio effettivamente prestato per almeno 180 giorni nel corso dell’anno scolastico, di cui almeno 120 per le attività didattiche;

b. allo svolgimento delle previste attività formative, da considerarsi parte integrante del servizio in periodo di formazione e prova, svolte, pertanto, contestualmente al servizio stesso.

Le attività formative, di cui al precedente punto b., sono articolate in 50 ore complessive di formazione, aggiuntive rispetto agli ordinari impegni di servizio, e comprendono:

  • 18 ore di formazione obbligatoria, organizzata dall’U.S.R. e dalle Scuole Polo di Ambito per la formazione;
  • 12 ore di attività di reciproca osservazione in classe (peer to peer) tra docente/educatore neoassunto e tutor;
  • 20 ore di formazione online su piattaforma INDIRE, attestate dalla produzione del portfolio professionale (dossier), la cui presentazione di fronte al Comitato di valutazione sostituisce l’elaborazione di ogni altra relazione.