Home Formazione iniziale Periodo di formazione e prova, piattaforma Indire disponibile dal 5 dicembre

Periodo di formazione e prova, piattaforma Indire disponibile dal 5 dicembre

CONDIVIDI

L’Ufficio scolastico per la Lombardia ha emesso la nota prot. n. 22866 del 29/11/2016 con la quale riepiloga le regole per il periodo di formazione e prova per il personale docente ed educativo neoassunto.

Sono tenuti al periodo di formazione e di prova docenti e personale educativo con incarico a tempo indeterminato che:

Icotea
  • prestano il primo anno di servizio;
  • non abbiano potuto completare il periodo di formazione e di prova negli anni precedenti;
  • debbano ripetere il periodo di formazione e di prova per effetto di valutazione negativa (in tal caso il periodo di formazione e di prova non è ulteriormente rinnovabile);
  • hanno ottenuto il passaggio di ruolo.

Le attività di formazione sono parte integrante del servizio in periodo di formazione e di prova e non possono essere rinviate o anticipate ma devono essere svolte contestualmente allo stesso.

Servizi utili

Il superamento del periodo di formazione e di prova è subordinato alla effettiva prestazione di almeno 180 giorni di servizio nel corso dell’anno scolastico, di cui almeno 120 di attività didattiche.

Se l’orario è inferiore all’orario di cattedra o posto, il numero dei giorni suddetti deve essere proporzionalmente ridotto, fermo restando l’obbligo formativo che non è soggetto a riduzione.

Nei 180 giorni sono comprese tutte le attività connesse al servizio scolastico:

  • periodi di sospensione delle lezioni e delle attività didattiche, anche per motivi di pubblico interesse, purché intermedi al servizio;
  • esami e scrutini;il primo mese del periodo di astensione obbligatoria dal servizio per gravidanza;
  • i giorni di frequenza a corsi di formazione organizzati dall’Amministrazione.

L’art.3 del D.M. 850/15 afferma che si devono computare nei 120 giorni di attività didattiche “sia i giorni effettivi di insegnamento sia i giorni impiegati presso la sede di servizio per ogni altra attività preordinata al migliore svolgimento dell’azione didattica”, ossia devono essere computati i giorni di svolgimento di attività:

  • di lezione;
  • di recupero;
  • di potenziamento;
  • valutative;
  • progettuali;
  • formative;
  • collegiali.

Non sono invece computabili nei 180 giorni, e di conseguenza neppure nei 120 giorni:

  • giorni di ferie e recupero festività;
  • assenze per malattia;
  • congedi parentali;
  • permessi retribuiti;
  • aspettative.

Il tutor

L’individuazione del tutor spetta al Dirigente Scolastico attraverso l’opportuno coinvolgimento del Collegio. Tale figura assume un ruolo significativo nel corso dell’intero anno scolastico con funzioni di accoglienza, accompagnamento, tutoraggio e supervisione professionale. Il compito istruttorio affidato al tutor è impegnativo e richiede competenze organizzative, didattiche e relazionali, in un intreccio continuo tra pratica e riflessione, con lo scopo di caratterizzare il periodo di formazione e prova come effettivo momento di crescita e di sviluppo professionale.

Il modello formativo

Il percorso formativo comporta 50 ore complessive di attività suddivise in:

  • incontro iniziale a cura degli USR e UST, durata 3 h;
  • attività laboratoriali in presenza, durata 12 h;
  • attività tra pari, docente neo assunto e tutor, durata 12 h;
  • rielaborazione professionale, durata 20 h;
  • incontro conclusivo a cura degli USR e UST, durata 3 h.

Per consentire alle singole Istituzioni scolastiche e ai docenti in periodo di formazione e prova di ipotizzare le tempistiche di realizzazione delle fasi di loro competenza si comunica che INDIRE ha annunciato l’apertura della piattaforma per il 5 dicembre, anticipando che alcuni documenti, tra cui il modello di bilancio di competenze, saranno revisionati per semplificarne l’utilizzo.