Home Disabilità Permessi legge 104/1992 e sindrome di Down: indicazioni sul certificato di disabilità

Permessi legge 104/1992 e sindrome di Down: indicazioni sul certificato di disabilità

CONDIVIDI

La legge n. 289/2002, all’art. 94, comma 3, ha disposto che i soggetti affetti da sindrome di Down, ai fini della fruizione dei benefici di cui alla legge 104/92, possano essere dichiarati in situazione di gravità ai sensi dell’art. 3 della legge 5.2.1992, n. 104, oltre che dall’apposita Commissione ASL, anche dal proprio medico di base, previa richiesta corredata da presentazione del “cariotipo”.

Nel dettaglio, la norma infatti prevede che:

In considerazione del carattere specifico della disabilità intellettiva solo in parte stabile, definita ed evidente, e in particolare al fine di contribuire a prevenire la grave riduzione di autonomia di tali soggetti nella gestione delle necessità della vita quotidiana e i danni conseguenti, le persone con sindrome di Down, su richiesta corredata da presentazione del cariotipo, sono dichiarate, dalle competenti commissioni insediate presso le aziende sanitarie locali o dal proprio medico di base, in situazione di gravità ai sensi dell’articolo 3 della legge 5 febbraio 1992, n. 104, ed esentate da ulteriori successive visite e controlli […]”.

ICOTEA_19_dentro articolo

Per medici di base si intende quelli “di medicina generale” scelti nell’ambito degli appositi elenchi dei medici generici o pediatri predisposti dalle strutture del S.S.N.

Inoltre, sempre secondo la medesima legge, tali soggetti sono esentati da ulteriori successive visite e controlli.

CONDIVIDI