Home Sicurezza ed edilizia scolastica Pidocchi, topi, blatte e gabbiani: arrivano i Nas

Pidocchi, topi, blatte e gabbiani: arrivano i Nas

CONDIVIDI

“Manderò i carabinieri del Nas e i nostri ispettori nelle scuole di Roma” in cui sono stati evidenziati i problemi più gravi per quanto riguarda le condizioni igieniche e di sicurezza, ha detto Lorenzin in un’intervista al quotidiano “Il Messaggero”. “Prima che arrivassero queste segnalazioni in realtà mi ero mossa in maniera informale con il sindaco, richiamando la sua attenzione sui gravi rischi epidemiologici derivanti da una presenza massiccia a Roma, e oltre la norma, di roditori, gabbiani, ma anche di blatte, zanzare tigri e pidocchi”, ha aggiunto. “Le infestazioni da pidocchi per esempio non rispettano più il loro picco stagionale, ma si registrano ormai in ogni periodo dell’anno”, ha spiegato il ministro sottolineando che “l’invasione dei gabbiani che hanno risalito il Tevere fino a stabilirsi nel centro abitato, inoltre, non va sottovalutata. Eppure i rischi di trasmissione di malattie sono alti.

 

{loadposition libro-bes}

 

Icotea

E i bambini sono i più esposti”. Secondo Lorenzin “bisogna riportare la Capitale, ma lo stesso discorso può valere anche per altre città, a standard di igiene pubblica maggiori. E per questo si dovranno attivare le Asl locali ciascuna per quanto di sua competenza, con piani di prevenzione. Concetto su cui mi ero espressa con il sindaco Marino in quanto il pericolo di infestazioni non si limita a edifici pubblici come le scuole, ma interessa luoghi di grande passaggio e aggregazione come gli autobus e le metropolitane dove il rischio di diffusione dei contagi è elevato e la pulizia deve essere, quindi, continua e rigorosa”. (Adnkronos)