Home Precari Pittoni (Lega Nord): no al limite dei 36 mesi per le supplenze

Pittoni (Lega Nord): no al limite dei 36 mesi per le supplenze

CONDIVIDI

La protesta contro l’articolo 12 del disegno di legge sta montando.
Come si ricorderà la norma in questione è quella che vieta di rinnovare i contratti a tempo determinato oltre il termine dei 36 mesi, in modo da evitare di violare le disposizioni in materia dell’Unione Europea, quelle stesse disposizioni che, di fatto, stanno imponendo al Governo di procedere alla assunzione di decine di migliaia di precari.
Sull’articolo 12 verranno presentate in Commissione molte richieste di modifica.
E anche la Lega Nord sta dicendo la sua sull’argomento.
In occasione della sua visita in Friuli-Venezia Giulia, infatti, il segretario della Lega Nord Matteo Salvini, insieme con il responsabile federale Istruzione del Carroccio Mario Pittoni,  ha incontrato una delegazione di insegnanti precari giunti da varie regioni, preoccupati per il loro posto di lavoro.

 

{loadposition eb-prova}

ICOTEA_19_dentro articolo

 

Sulla questione dell’articolo 12 “la Lega – spiega Pittoni – è attenta al problema perché, se il provvedimento non viene corretto, avremo decine di migliaia di insegnanti “esodati”, come già non ne avesse generati a sufficienza la legge Fornero, tra l’altro colpendo i docenti con più esperienza e spesso con maggiori titoli. Una tale dispersione di professionalità è contro gli interessi della scuola. Ci batteremo per evitarla.
A meno di modifiche al programma dei lavori della Commissione, in settimana si dovrebbe incominciare a discutere di questa e altre questioni. Vedremo quali saranno le risposte del Governo.