Home Politica scolastica Poletti: laurearsi con 110 e lode a 28 anni non serve a...

Poletti: laurearsi con 110 e lode a 28 anni non serve a un fico!

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Terminare l’Università con “110 e lode a 28 anni non serve a un fico, è meglio prendere 97 a 21”: a dirlo è stato il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti.

L’occasione per esprimere il concetto è stato l’incontro del 26 novembre con gli studenti, durante la convention di apertura a Veronafiere di “Job&Orienta”, la 25esima mostra convegno nazionale dell’orientamento, scuola, formazione, lavoro.

ICOTEA_19_dentro articolo

Terminando presto gli studi universitari, ha continuato Poletti, “un giovane dimostra che in tre anni ha bruciato tutto e voleva arrivare”.

“In Italia – ha continuato il ministro del Lavoro – abbiamo un problema gigantesco: è il tempo. Perché i nostri giovani arrivano al mercato del lavoro in gravissimo ritardo. Quasi tutti quelli che incontro mi dicono che si trovano a competere con ragazzi di altre nazioni che hanno sei anni meno di loro e fare la gara con chi ha sei anni di tempo in più diventa durissimo”.

 

{loadposition procedimento}

 

“Se si gira in tondo per prendere mezzo voto in più – ha continuato il ministro – si butta via del tempo che vale molto molto di più di quel mezzo voto. Noi in Italia abbiamo in testa il voto, non serve a niente”. Il voto è importante solo perché fotografa un piccolo pezzo di quello che siamo; bisogna che rovesciamo radicalmente questo criterio, ci vuole un cambio di cultura”.

In settimana, a proposito di laureati in Italia, la situazione aggiornata è stata fotografata dal rapporto “Education at a glance“: ebbene, la percentuale di laureati magistrali in Italia supera la media Ocse.

Dal rapporto è merso che se le attuali tendenze verranno confermate, nell’arco della propria vita, il 20% dei giovani italiani conseguirà un titolo universitario di secondo livello o un titolo universitario equivalente contro una media dei Paesi dell’Ocse che è del 17%.

Tuttavia, si prevede che in Italia solo il 42% dei giovani si iscriverà all’università, la minore quota d’iscrizione rispetto all’insieme dei Paesi Ocse, dopo il Lussemburgo e il Messico. Nel complesso, il 34% dei giovani italiani dovrebbe conseguire un diploma d’istruzione terziaria, rispetto a una media Ocse del 50%.

 

Metti MI PIACE sulla nostra pagina Facebook per sapere tutte le notizie dal mondo della scuola

Preparazione concorso ordinario inglese