Home Mobilità Posti di sostegno in deroga per evitare il trasferimento al Nord

Posti di sostegno in deroga per evitare il trasferimento al Nord

CONDIVIDI

Arriva la toppa per rattoppare e soprattutto per evitare tensioni sociali: da quest’anno infatti i prof traferiti al Nord (circa 8.000 prof assunti nella cosiddetta «fase B» della Buona Scuola, quella in cui i posti comuni rimasti scoperti dopo le prime due fasi),  potranno prestare servizio vicino casa, ma insegnando, non la materia per la quale hanno l’abilitazione, ma ai ragazzi che usufruiscono del sostegno nei posti cosiddetti in deroga, ovvero quelli che ogni inizio anno vengono assegnati dall’uffici scolastici in aggiunta al cosiddetto organico di diritto e che nel caso del sostegno sono tantissimi, oltre 25 mila su tutto il territorio nazionale.

I requisiti richiesti sono quelli che valgono per tutte le assegnazioni provvisorie: ricongiungimento al coniuge, ai figli, ai genitori o gravi esigenze di salute.

Icotea

 

{loadposition eb-prova}

 

Finora l’accordo per le assegnazioni provvisorie sul sostegno è stato raggiunto solo in due regioni, Sicilia e Sardegna, ma all’inizio della prossima settimana è previsto un incontro al Miur con le organizzazioni sindacali. Nel caso della Sicilia, secondo i primi calcoli, in palio ci sarebbero circa duemila cattedre, corrispondenti alla metà dei posti in deroga totali (4.606). Sono quelli rimasti scoperti dopo l’assegnazione ai precari in possesso della specializzazione sul sostegno, che naturalmente hanno la precedenza. In Sardegna le cattedre di sostegno rimaste libere per mancanza di candidati «titolati» dovrebbero aggirarsi invece attorno alle 160.

Il Modello di domanda

All’Ambito Territoriale per la provincia di………….……….

Oggetto: Integrazione domanda di assegnazione provvisoria interprovinciale   

               dichiarazione disponibilità su posti di sostegno residui

 

 

 

Il/la sottoscritto/a……………………………….…………. nato/a a ……………………………. e residente a …………………………………………….. in via …………………………………. docente con contratto a tempo indeterminato titolare su posto comune nel sotto indicato  ordine di scuola:

__  Scuola dell’Infanzia

__  Scuola Primaria

__  Scuola Secondaria di I grado – Cl. di concorso ……..

__  Scuola Secondaria di II grado – Cl. di concorso ……..

Essendo privo del titolo di specializzazione di sostegno ed avendo prodotto domanda di assegnazione provvisoria interprovinciale su posto comune per la provincia di …………………………………….

DICHIARA,

in riferimento alla lettera C di cui al CIR Sicilia relativo alle utilizzazioni ed assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA per l’A.S. 2016/2017, la propria disponibilità a ricoprire, in assegnazione provvisoria interprovinciale, eventuali posti di sostegno residui non coperti da personale specializzato.

Data                                                                                                                                                                                                                                                   Firma

Recapiti:

Cell……………………………….

Mail ……………………………………

Tuttavia i mugugni per questa scelta non si sono fatti attendere. Infatti in tal modo si lasceranno scoperte cattedre che dovranno essere assegnate ancora una volta a dei supplenti al Nord, mentre si affidano i ragazzi, che necessitano di un sostegno specifico, a docenti impreparati a tale compito. «Proprio per la delicatezza del compito che andranno a svolgere  si chiede a chi di competenza di avviare corsi formativi di aiuto a questi docenti che dovranno andare a occuparsi della parte più fragile della popolazione scolastica», è infatti l’appello dei sindacati promotori di tale scelta.