Home I lettori ci scrivono Precari GaE, il quarto Natale e la speranza verso il nuovo Governo

Precari GaE, il quarto Natale e la speranza verso il nuovo Governo

CONDIVIDI
  • Credion
NATALE 2015 – Il Piano di Assunzioni del Governo Renzi del 14/08/2015 (la Buona Scuola) inizia a palesare le proprie nefande conseguenze. Il PD è riuscito, con una imbellettata manovra, a stravolgere e sconvolgere l’intero assetto della Scuola Pubblica italiana!
I docenti di Scuola dell’Infanzia non hanno usufruito di alcun Piano di assunzione. Il grado scolastico più rilevante, la Scuola che rappresenta la “culla” della formazione a livello sociale e cognitivo, giace abbandonata a se stessa, relegata in un angolo buio.
I docenti GaE di Scuola Primaria e Secondaria che, per seri motivi familiari e guidati ad un’etica di onestà intellettuale, non hanno prodotto domanda sono vittime di una palese indifferenza da parte dei sindacati (UIL, CISL, GILDA, SNALS, ecc) che si sono detti fieri sostenitori delle istanze dei neo-immessi 2015 (privileged).
Nonostante gli incessanti tentativi di colloquio con le forze al Governo e con la Ministra Giannini i docenti GaE vengono ignobilmente ignorati, se non addirittura offesi da pubbliche dichiarazioni di vice-Ministri.

NATALE 2016 – La situazione peggiora. I docenti GaE continuano la propria fiera battaglia per la stabilizzazione. Ai neo-immessi (privileged!) viene concessa la mobilità sul 100% dei posti disponibili. Viene indetto il Concorso 2016 con la prospettiva di assumerne a tempo indeterminato i vincitori entro il triennio successivo, ma i posti, in realtà, vengono utilizzati diversamente.
I docenti della Scuola dell’Infanzia giacciono, come sempre, al buio.
I docenti GaE di Scuola Primaria vedono scivolare verso il basso la propria posizione in GaE a favore dell’inserimento di docenti privi di titolo adeguato.
I docenti di Scuola Secondaria non vedono alcuna cattedra disponibile: sono state tutte elargite dai sindacati (the fantastic four), dietro gentile concessione dell’Emendamento Puglisi, ai docenti/nastrini (privileged) attraverso generose assegnazioni provvisorie.
NATALE 2017 –  A seguito del Concorso 2016 vengono stabilite delle percentuali di mobilità/immissione che, seppur esigue per tutti, visto il numero di posti autorizzato, garantiscono equità e bilanciamento nei numeri: il 30% alla mobilità, il 30% ai ruoli da GaE, il 30% ai ruoli da GM e il 10% alla mobilità territoriale. Il vincolo triennale è un vago…vincolo. Numerosissime le assegnazioni provvisorie ad esclusivo vantaggio dei nastrini (privileged), con “allargamento” dei vincoli: non più 104 personali e tanto altro.

NATALE 2018 – La situazione è cambiata sotto un aspetto fondamentale: quello Politico. L’Italia vede l’ascesa al Governo del Movimento 5 Stelle e della Lega. Grandi speranze, numerose le richieste.
I docenti GaE di Scuola dell’Infanzia vedono accedere ai propri posti i nastrini (privileged!) attraverso le assegnazioni provvisorie anche su posti di sostegno senza titolo.
I docenti di Scuola Primaria assistono al balletto di entrata ed uscita dalla propria graduatoria di docenti DM…hanno, ormai, perso il conto! Anche per loro, numerose assegnazioni provvisorie.
I docenti GaE e GM assistono alle assegnazioni provvisorie anche e ben oltre i termini del 30 Agosto (magia dei sindacati, privilege per i nastrini…nulla di nuovo, insomma!).

Siamo a Dicembre…il 4 Dicembre e TUTTI, dico TUTTI (gli ordini e gradi scolastici, GaE e GM) assistono alla più bieca delle manovre sottobanco: il deciso ed energico tentativo, da parte dei sindacati (UIL, GILDA, CISL, SNALS…fantastic four) di “strappare” il precedente accordo in merito alle percentuali sulla mobilità a favore dei nastrini (privileged!), sottraendo ai docenti GaE e GM il 10%!

Cosa dire…più che “quarto Natale”, direi “Quarto Potere” o “il Potere dei Quattro”!
I docenti GaE e GM operano ugualmente e con dignità, in barba a chi, la dignità, sta silenziosamente tentando di togliergliela!
Attendiamo fiduciosi le delibere di questo Governo nella speranza che non si faccia servo della “tesserocrazia” e delle dietrologie, ma che prosegua dritto e fiero verso un cammino di equità e indipendenza intellettualmente ONESTA!
Anna Maria Barbagallo – Comitato Docenti GaE Scuola Infanzia, Primaria e Secondaria