Home Archivio storico 1998-2013 Generico Prove finali corsi abilitanti speciali: appello del Ministero contro l’ordinanza del Tar

Prove finali corsi abilitanti speciali: appello del Ministero contro l’ordinanza del Tar

CONDIVIDI
  • Credion
Nella nota Miur prot. n. 2310 del 18 dicembre scorso, inviata dalla Direzione generale per il personale della scuola del Mpi ai direttori degli Uffici scolastici regionali con nota prot. n. 1943 del 19 dicembre 2006, erano state impartite disposizioni in relazione alle prove finali di tutti i corsi speciali abilitanti (indetti con D.M. n. 85 del 18 novembre 2005), da svolgersi nel mese di gennaio 2008 per quanto riguarda i corsi per l’insegnamento nella scuola secondaria e nel marzo 2008 relativamente a quelli per l’insegnamento nella scuola primaria e dell’infanzia.
Ma, il Tar Lazio, esaminati i ricorsi dei docenti che concludendo nella sessione estiva dell’anno accademico 2006/2007 il proprio percorso formativo si vedono differire l’esame finale di molti mesi, ha concesso la sospensiva rispetto all’applicazione dei provvedimenti ministeriali.
Come già anticipato in un altro articolo, l’ordinanza 1982, pronunciata il 10 maggio scorso dalla Sezione terza bis del Tribunale amministrativo regionale del Lazio, accoglie l’istanza cautelare dei ricorrenti, ordinando all’Amministrazione di garantire l’espletamento degli esami per tutti i corsi già terminati, o che saranno ultimati entro maggio 2007, in tempo utile per l’inclusione a pieno titolo degli interessati nelle graduatorie ad esaurimento, in vista delle nomine relative al prossimo anno scolastico.

Adesso, il Ministero della Pubblica Istruzione ha deciso di proporre appello al Consiglio di Stato contro la suddetta ordinanza del Tar, ma nel frattempo, con apposita nota, invita i direttori regionali, ai quali le Università, le Accademie di belle arti e i Conservatori di musica abbiano comunicato la conclusione dei corsi entro il mese di maggio, a predisporre gli atti propedeutici alla costituzione delle commissioni giudicatrici, di cui all’art. 5 del D.M. n. 85/2005.