Home Politica scolastica Prove tecniche di smontaggio della legge 107/2015

Prove tecniche di smontaggio della legge 107/2015

CONDIVIDI

Negli ambienti sindacali si respira aria di grande soddisfazione, dopo la vittoria del No al referendum costituzionale, inizia lo smontaggio della Buona Scuola.

In cosa consiste quest’opera di smontaggio e perché accade proprio adesso?

Icotea

 

Il motivo per cui accade proprio adesso, appare chiaro a tutti. Il cambio di Ministro dell’Istruzione e l’onda dell’esito referendario hanno contribuito ad un clima di confronto più serio e sereno. In buona sostanza un cambio positivo di atteggiamento da parte dell’amministrazione grazie al cambio di ministro.

L’opera di smontaggio della legge 107/2015 consiste in 4 punti nevralgici:

  1. Tutti i docenti avranno, compresi i titolari su ambito, le stesse opportunità di avere la titolarità su scuola sia in provincia che fuori (sarebbe quindi cancellata quindi l’ultima parte del comma 73 della legge 107/2015 ).
  2. Tutti i docenti potranno fare domanda dove credono, al limite chi vuole potrà mettere fino a 15 province (in passato era possibile solo alle superiori) facendo un’unica domanda (=semplificazione)
  3. Nessuno (né vecchio né nuovo) è quindi obbligato, se non vuole, ad andare su ambito, pagando solo il pegno del limite di 5 scuole.
  4. Infine c’è un vincolo stringente a trovare un accordo nella mobilità da ambito a scuola (in deroga ai commi da 79 a 83) come condizione per sottoscrivere il Ccni definitivo sulla mobilità. Ci sarà un elenco di “requisiti ” (e non criteri discrezionali) nazionale che la scuola, ovvero il collegio docenti e non il Ds a sua discrezione, potrà indicare in coerenza all’approvazione o adeguamento del PTOF in relazione ai posti assegnati e vacanti.