Home Attualità Ramadan, l’Europa delle scuole mostra ancora inclusività ed apertura al mondo islamico....

Ramadan, l’Europa delle scuole mostra ancora inclusività ed apertura al mondo islamico. Il caso del Regno Unito

CONDIVIDI

Ha avuto inizio, da alcune settimane, quell’elemento – possiamo chiamarlo avvenimento o caratteristica – che contraddistingue la fede islamica da quelle deliberatamente diffuse nell’Europa Continentale; il Ramadan – o digiuno – che fattivamente impedisce al fedele di servirsi, alimentarsi o utilizzare acqua, bevande e cibo più in generale dall’alba al tramonto, che in talune aree lascia il sole splendere per più di 12 ore. Tale prova di fede – assimilabile a quelle svolte dai cristiani di differenti confessioni – necessita di assoluta premura ed organizzazione. Gli ambienti pubblici, in particolare moschee, sanatori, madrase del mondo orientale del Mediterraneo osservano orari differenti dal solito, protraendo i tempi di apertura oltre la mezzanotte, restando di fatto operativi durante le ore notturne, anche più miti e meno infocate. Le scuole sono parte essenziale dei luoghi pubblici, ove oltre a formarsi gli studenti e gli insegnanti sono per almeno un’ora commensali, attingendo alimenti dallo stesso banco e dalla medesima mensa. Dove le comunità maomettane sono più numerose in Europa – Germania, Regno Unito e Scandinavia- le scuole e i rispettivi punti di ristoro osservano duplici orari, raddoppiando di fatto gli sforzi, i turni, le risorse al fine di dimostrarsi correttamente inclusive, offrendo i pasti agli studenti – e insegnanti – in orari considerati consoni durante lo svolgimento del Ramadan. Vediamo come.

Il Ramadan nel Regno Unito; scuole, comunità ed associazioni islamiche si incontrano. Donazioni come priorità

Ci sono circa 33.000-35.000 musulmani che vivono a Londra, molti dei quali digiunano dall’alba al tramonto per circa 30 giorni. “Il Ramadan e l’Eid sono un momento di donazione a coloro che sono meno fortunati”, ha affermato Bayan Saidam, studente di Grade 12. “Quando digiuniamo, ci viene permesso di essere grati delle nostre benedizioni, quindi questo si lega davvero all’idea di restituire alla comunità”. La Muslim Students Association della scuola ha collaborato con l’azienda locale Beachcomber London, dove i residenti possono lasciare o consegnare donazioni di giocattoli. Gli studenti hanno in programma di raccogliere più di 300 giocattoli per bambini di età compresa tra 3 e 16 anni e di donarli alla Moschea Musulmana di Londra entro il 26 aprile. Lo scorso Natale Saunders ha donato circa 300 giocattoli, quest’anno hanno in programma di superare quel record. Saidam Clark è un insegnante alla Saunders. Ha detto di aver avuto l’idea l’anno scorso come un modo per portare unità e positività alla crescente comunità multiculturale di Londra. “Abbiamo una grande popolazione musulmana nella nostra scuola e sono ragazzi fantastici. Ogni comunità ha sicuramente persone bisognose e la comunità musulmana non fa eccezione, quindi stiamo facendo il possibile per aiutare il nostro prossimo”, ha detto ai microfoni di CBC l’insegnante.  “In questo momento i nostri studenti stanno digiunando e non stanno mangiando tra l’alba e il tramonto. Molte persone non lo sanno ed è difficile per alcuni bambini, ma anche per altri è qualcosa di importante da sapere”, ha inoltre aggiunto.

Icotea

Inclusività, confronto, apertura, celebrazione collettiva attraverso “l’arte del dono”

Saidam crede che questa iniziativa sia il modo perfetto per creare una comunità inclusiva e dare alle persone la possibilità di festeggiare dopo che i lunghi due anni della pandemia di COVID hanno interrotto la maggior parte delle celebrazioni. “La raccolta di giocattoli è aperta a tutti per la donazione e riunisce l’intera comunità, indipendentemente dal fatto che siano musulmani o meno. Dà davvero la sensazione di sorridere ai volti di un bambino e della sua famiglia”, ha detto. “Tradizionalmente pensiamo di dare soldi ai bambini e di solito vanno in un negozio di giocattoli con quello, ma coloro che sono meno fortunati non hanno questa opportunità, quindi sarebbe davvero bello sorprenderli con un giocattolo”, ha precisato ai microfoni. Clark spera che questa guida giocattolo possa anche aiutare i londinesi a conoscere la fede islamica e le diverse tradizioni e pratiche seguite durante il Ramadan e l’Eid. “Il Ramadan è tutto incentrato sulla positività. La fede musulmana è molto pacifica e positiva, quindi si spera che illumini un po’ le persone. Le persone non sanno che i regali vengono distribuiti durante l’Eid, quindi è bello che possiamo educare anche loro. È una vittoria per tutti”, ha aggiunto successivamente.