Home Disabilità Rapporto ‘Casos’: studenti e gioco d’azzardo

Rapporto ‘Casos’: studenti e gioco d’azzardo

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Secondo il rapporto Casos (Consumi d’Azzardo Studio Osservazionale fra gli Studenti), presentato a Pescara, e basato nel corso dell’anno scolastico 2018-2019 con il coinvolgimento di 24 scuole superiori, per un totale di oltre 2.100 ragazzi, nel solo Abruzzo il 49 per cento degli studenti di età compresa tra i 15 e i 19 anni ha giocato d’azzardo almeno una volta nella propria vita e il 46 per cento lo ha fatto almeno una volta negli ultimi 12 mesi.

I maschi “azzardano” di più

Ad aver giocato d’azzardo durante l’anno sono stati soprattutto i maschi: 58 per cento contro il 32 delle coetanee. Nonostante la legge italiana vieti il gioco ai minorenni, il 45 degli studenti minorenni abruzzesi ha giocato d’azzardo almeno una volta nella vita e il 44 lo ha fatto nel corso dell’anno, con prevalenze che risultano superiori alla media nazionale, con una spesa media pro capite per il gioco d’azzardo pari  a 1.520 euro contro una media nazionale di 1245 euro.

E si tratta solo della spesa su rete fisica, vale a dire slot, bingo, lotterie e gratta e vinci, nella quale non è conteggiato quanto gli abruzzesi spendono per i giochi on line.

ICOTEA_19_dentro articolo

Collaborazione con la scuola

Per l’assessorato alla salute abruzzese l’obiettivo è di ridurre l’incidenza del fenomeno attraverso diversi canali: dalla collaborazione con la scuola, a fondi diversificati per sostenere programmi di intervento da portare avanti anche con il mondo dell’associazionismo.

Preparazione concorso ordinario inglese