Home Reclutamento Reclutamento docenti: mancano competenze pedagogiche

Reclutamento docenti: mancano competenze pedagogiche

CONDIVIDI

Le modifiche introdotte con la legge di bilancio 2019 alle norme in materia di reclutamento dei docenti farebbero tornare indietro il nostro sistema scolastico di qualche decennio: l’atto di accusa arriva dal presidente della Fondazione Agnelli che è intervenuto nella giornata del 9 dicembre con un proprio articolo pubblicato da La Stampa.

Competenze disciplinari o pedagogiche ?

“Per i vostri figli preferite un docente che sa tutto sulla fisica o sul greco antico ma non sa rapportarsi con i suo studenti, oppure un insegnante che, pur non essendo candidato al premio Nobel, ha interesse per la sua professione ed è motivato ad aggiornarsi ed è in grado di entrare in sintonia con gli studenti?”: con questa domanda il presidente della Fondazione si rivolge ai lettori lasciando già intendere quale sia la risposta attesa.

Il decreto 59/2017

Il reclutamento dei docenti della scuola secondaria è stato riformato con il decreto legislativo 59/2017 (si tratta di una delle deleghe contenute nella legge 107/2015) che prevede il cosiddetto FIT (formazione iniziale e tirocinio), un percorso, secondo Gavosto, non privo di aspetti negativi (l’eccessiva lunghezza innanzitutto) ma complessivamente utile a garantire un adeguato mix di competenze disciplinari e pedagogico-didattiche e di formazione sul campo.
Le modifiche introdotte con la legge di bilancio, invece, riducono al minimo le competenze pedagogico-didattiche: per partecipare ai concorsi saranno infatti sufficienti 24 CFU specifiche, su un totale di 300.
Né, sempre secondo Gavosto, per selezionare adeguatamente i docenti servirà a molto l’anno di prova che si – per consuetudine – viene considerato poco più che un “pro-forma”.

ICOTEA_19_dentro articolo

Gavosto ricorda che sul modello del FIT si era appuntate diverse critiche.
“A posteriori – conclude ironicamente il presidente della Fondazione – capiamo che stavamo disquisendo di finezze. Perché la soluzione del Governo Conte è molto più netta: per fare il docente la formazione pedagogica e didattica semplicemente non serve”.