Home Archivio storico 1998-2013 Nostre inchieste Recupero debiti, come si orienteranno le scuole?

Recupero debiti, come si orienteranno le scuole?

CONDIVIDI

Come intendono organizzarsi le scuole per le verifiche di fine anno? Il personale utilizzerà le ferie come ogni anno? Le scuole sono d’accordo al ripristino degli esami di riparazione? Le risorse finanziarie sono sufficienti per il recupero dei debiti? 
I promossi rispetto al 2007 sono aumentati, parzialmente stazionari i respinti, in diminuzione i sospesi.
La verifica di fine anno si terrà entro fine agosto per il 63,6 per cento degli istituti tecnici e per il 75 per cento dei professionali. 
Il 63,6 per cento dei licei, invece, verificherà entro la prima decade di settembre. 
Per l’utilizzo delle ferie come tradizione sono quasi tutti d’accordo: il 100 per cento dei licei, il 72,7 per gli istituti tecnici e l’87,5 per cento per i professionali.

Sul ripristino degli esami di riparazione la posizione dei professionali e dei licei è favorevole in modo plebiscitario con il 100% dei professionali e l’81,8% dei licei. 
Ripristinare gli esami per molte scuole non vuole dire nostalgia del passato, ma esigenza di superare l’attuale ipocrisia, chiamare le cose con il loro nome, dare a tutti certezza dei tempi e dei modi di valutazione degli apprendimenti. 
La maggioranza (54,6%) dei tecnici invece si è espressa contro il ripristino della sessione autunnale.
Relativamente al tipo di scuole e alle due aree geografiche, oggetto dell’inchiesta, i promossi risultano al Centro-nord il 70 per cento al Sud e nelle Iasole il 65 per cento nei licei. Negli istituti tecnici, invece, abbiamo il 58 per cento contro il 49,7; mentre negli istituti professionali, i promossi risultano 52,9 per cento nel Centro Nord contro il 64,7 per cento del Sud e delle Isole.


Le risposte a queste e ad altre domande saranno pubblicate sul n. 21 del 25 giugno 2008 de “La Tecnica della Scuola”.

Icotea
All’interno del box “Approfondimenti” è possibile visionare solo alcune delle tabelle dei risultati dell’inchiesta elaborata dal nostro giornale.