Home Attualità Regionalizzazione della scuola, dalla Sicilia arriva un corale NO

Regionalizzazione della scuola, dalla Sicilia arriva un corale NO

CONDIVIDI

Per dire “No al regionalismo differenziato nella Scuola” si sono incontrati, nel pomeriggio del 22 luglio 2019, presso la biblioteca dell’Istituto Gramsci Siciliano di Palermo, insegnanti, dirigenti scolastici, attivisti politici e rappresentanti della società civile, incluse le organizzazioni sindacali di categoria.

Dibattito sul sistema formativo nazionale

All’incontro dibattito sulle autonomie differenziate e sulla regionalizzazione della scuola sono intervenuti rappresentanti politici de La Sinistra, Rifondazione comunista, Sinistra comune, c’erano i deputati Antonello Cracolici e Giuseppe Lupo del PD. Tra le organizzatrici dell’incontro Caterina Altamore (Dipartimento Istruzione Art.1) e la Dirigente Scolastica Daniela Crimi del Liceo linguistico “Ninni Cassarà” di Palermo. Nel corso del dibattito, durante il quale sono state analizzate anche le conseguenze derivanti da forme di “Autonomia Differenziata”, è stato ampiamente ribadito come il sistema formativo nazionale costituisca l’elemento cardine di coesione del nostro Paese, coerente con il dettato costituzionale che impegna la Repubblica a rimuovere gli ostacoli che le differenze di opportunità creano tra i cittadini.

Mozione da presentare all’ARS

È stata, inoltre, discussa una “bozza di mozione”, che i Deputati Regionali, presenti all’incontro, sottoporranno all’attenzione dell’Ars per una condivisione e convergenza generale. Se la mozione, infatti, sarà approvata, essa impegnerà il Presidente Musumeci a promuovere azioni di contrasto rispetto alle bozze di autonomia differenziata riguardanti la scuola che, fino ad oggi, sono emerse.

ICOTEA_19_dentro articolo