Home Archivio storico 1998-2013 Riforme Regolamento valutazione in dirittura d’arrivo

Regolamento valutazione in dirittura d’arrivo

CONDIVIDI
  • Credion

Il Governo sembra intenzionato a chiudere una volta per tutte la questione della valutazione di scuole e insegnanti: nel prossimo Consiglio dei Ministri, previsto per il prossimo venerdì 8 marzo, potrebbe infatti essere approvato lo schema definitivo del provvedimento sul quale, è bene ricordarlo, in Commissione Cultura del Senato il PD si era espresso in senso nettamente contrario. 
Il modello previsto dal Regolamento prevede che una valutazione “a più mani” affidata a Invalsi, Indire e ispettori tecnici. 
Ma non solo il PD è contrario a  questa soluzione,anche i sindacati (Flc-Cgil in testa) hanno espresso più volte le loro critiche e le loro perplessità. 
Intanto nell’imminenza della decisione che verrà assunta dal Governo l’Anief prende posizione e sostiene che con questa operazione “il Governo dei tecnici guidato dal professor Mario Monti sta tentando di sferrare l’ultimo colpo basso ai dipendenti e agli utenti della scuola”. 
“Conferendo un potere enorme a Invalsi, Indire e agli ispettori ministeriali – spiega Marcello Pacifico, presidente Anief e delegato Confedir per il contenzioso – il Governo dei tecnici sta sferrando l’ennesimo colpo di mano finalizzato a privatizzare i prossimi contratti di lavoro. E legare così gli stipendi degli statali con le performance individuali e di struttura”. 
Secondo l’Anief “la fondata volontà del Governo di bloccare gli scatti di anzianità fino al 2014 e contemporaneamente di introdurre un sistema di valutazione che porterà fondi solo alle scuole più virtuose, sono dei pezzi che vanno a comporre un orribile “puzzle”. Che produrrà conseguenze disastrose”. 
Per saper come si concluderà la vicenda è bene però aspettare fino a venerdì: troppo volte, in questi anni, agli annunci e alle dichiarazioni dei Ministri non hanno fatto seguito fatti coerenti; non è detto quindi che davvero il prossimo Consiglio dei Ministri dia il via libera al provvedimento.