Home Politica scolastica Renzi gela tutti: se non passa la riforma, solo 22mila assunzioni

Renzi gela tutti: se non passa la riforma, solo 22mila assunzioni

CONDIVIDI

“Per quello che ci riguarda è del tutto evidente che se la riforma passa, ci saranno 100mila assunzioni, se la riforma non passa o non passa in tempo, le assunzioni saranno quelle del turn over, che sono circa 20-22mila persone”. E’ serafico il premier, Matteo Renzi, a margine di un convegno alla Camera, gli Stati generali sul clima, quando viene interpellato sulla riforma della scuola e sulle possibili immissioni in ruolo dei docenti.

Tra l’altro le 22mila assunzioni di cui parla il premier, rappresentano una quota, a quanto ci risulta, non solo inferiori ai pensionamenti, ma soprattutto non tengono conto dei circa 16mila posti vacanti e riconosciuti tali anche dal Miur. Mancherebbero all’appello, quindi, almeno 20mila assunzioni.

Icotea

Renzi ha anche risposto ai cronisti che gli chiedevano se il governo potrebbe mettere la fiducia sul ddl: “Le valutazioni dipendono dal Parlamento”. E se le opposizioni non ritirano gli emendamenti? “Io non entro nel merito delle decisioni delle opposizioni”. E ancora: con la nostra riforma “è il modello di scuola che cambia, cambia tutto il sistema, con l’introduzione dell’organico funzionale e quindi la possibilità di avere più professori. Se rimane il sistema di oggi” non si possono assumere i 100mila professori, perché “non si possono inserire” nel vecchio sistema: “cosa gli fai fare?”.

 

{loadposition eb-clil-2}

 

Fatto sta che, in attesa di eventuali rettifiche, per il presidente del Consiglio ormai le condizioni sono queste. Non si cambia: sulla scuola, dice sempre Renzi, ora “deciderà il Parlamento”. E anche in tempi brevi, visto che se il disegno di legge non dovesse essere approvato entro fine mese, con successiva ratifica finale e senza mutamenti alla Camera, sarebbe davvero difficile rendere operative le assunzioni dal prossimo 1° settembre.

A meno che non le si voglia attuare, come diciamo da settimane e ribadito quest’oggi su questa testata giornalistica, solo giuridicamente: con effetto pratico rimandato di un anno. Una soluzione che, se da una parte consentirebbe comunque di portare a casa il risultato del quasi svuotamento delle GaE, lascerebbe non pochi diretti interessati con l’amaro in bocca.

 

Metti MI PIACE sulla nostra pagina Facebook per sapere tutte le notizie dal mondo della scuola