Home Attualità Riapertura scuole, Azzolina: sarà un anno duro, ma abbiamo le regole chiare...

Riapertura scuole, Azzolina: sarà un anno duro, ma abbiamo le regole chiare e più rigorose d’Europa

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Sul rientro a scuola, previsto tra pochi giorni per tutti, la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina difende a spada tratta le scelte del Governo e del dicastero di Viale Trastevere. “Già a giugno – scrive in una lettera inviata ai docenti, ai presidi e a tutto il personale scolastico, a poche ore della riapertura della scuola – è stato varato il Piano per la ripartenza di settembre, preparato insieme ai tanti attori del sistema scolastico e istituzionale. Da allora non ci siamo mai fermati”.

Cambiamenti forzati

La responsabile del M.I. dice che a Viale Trastevere si è “collaborato con le autorità sanitarie per avere regole condivise. E se queste si sono evolute nel corso dell’estate è perché il quadro di una pandemia non è una fotografia, non è statico, e al mutare delle condizioni la politica può e deve prendere nuove decisioni. Lo abbiamo fatto. Oggi abbiamo regole chiare, tra le più rigorose in Europa”.

Responsabilità storica, i soldi ci sono

Azzolina esorta, nella missiva pubblica, a lavorare “tutti insieme e riconsegniamo le scuole ai nostri studenti: il Paese – scrive – ce ne sarà riconoscente. Abbiamo una responsabilità storica grande. Sarà un anno duro. Ma anche l’inizio di un percorso diverso. Avremo le risorse dall’Europa (quelle del Recovery fund ndr) con cui costruire la scuola di domani, a partire dagli insegnamenti di questi mesi. Abbiamo le idee e il coraggio per realizzarle”.

ICOTEA_19_dentro articolo

La preoccupazione è comprensibile

La titolare del ministero dell’Istruzione dice che nelle scuole “ci troveremo a convivere con regole di sicurezza da rispettare e con una maggiore attenzione agli aspetti sanitari. Non era mai successo prima. So che c’è preoccupazione, è comprensibile”.

“Ci darà sostegno – continua Azzolina – la garanzia del gran lavoro fatto. Lo dico senza alcun trionfalismo, ma con soddisfazione: dati alla mano, nessuno in Europa si è impegnato così tanto nei mesi estivi per preparare la scuola a questa nuova stagione”.

Preparazione concorso ordinario inglese