Home Attualità Riapertura scuole, in Campania si vuole posticipare il rientro: fine settembre o...

Riapertura scuole, in Campania si vuole posticipare il rientro: fine settembre o a inizio ottobre

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Il rientro a scuola in Campania potrebbe anche non essere il 14 settembre, come previsto dal Ministero. O meglio: i sindaci della Regione sperano di strappare una proroga per iniziare le lezioni a fine settembre o al massimo i primi di ottobre.

I sindaci chiedono slittamento del rientro a scuola

La grande maggioranza dei sindaci della Regione vorrebbe infatti far slittare la riapertura a dopo il 24 settembre, quindi dopo la tornata elettorale.

I motivi? Come scrive Repubblica, sono comuni alla maggior parte delle Regioni: le aule che ancora non si trovano, i banchetti monoposto che arriverebbero in Campania intorno al 28 settembre, le igienizzazioni delle scuole obbligatorie una volta smontati i seggi elettorali, operazione questa che andrebbe a raddoppiare il lavoro già previsto per l’avvio della scuola il 14 settembre, moltiplicando di conseguenza i costi.

ICOTEA_19_dentro articolo

Mancano certezze sul rientro

Tutte motivazioni che spingono non solo i presidi a dirsi assai preoccupati, ma anche i sindaci a preparare un documento, ieri all’attenzione del presidente dell’Anci Campania Carlo Marino, indirizzato al governatore De Luca e alla ministra Azzolina: “Spostiamo in avanti questa scadenza, troppo importante perché la si affronti senza certezze” dicono informalmente i sindaci.

Come se non bastasse, ancora non si è chiarito come verrà organizzato il trasporto pubblico legato alla riapertura scuole, vista la distanza che c’è al momento fra Regioni e Governo.

Non sarebbe la prima iniziativa distaccata da parte della Regione Campania rispetto al resto d’Italia: fortemente voluto dal Governatore De Luca, nelle scuole campane ci saranno termoscanner per la misurazione della temperatura di studenti e personale, differentemente dalle indicazioni nanzionali, che prevedono la misurazione a casa.

Preparazione concorso ordinario inglese