Home Politica scolastica Riforma, si gettano le basi: Renzi incontra Giannini

Riforma, si gettano le basi: Renzi incontra Giannini

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Per la Scuola è giunto il momento delle decisioni. “A febbraio tocca alla scuola”, ha anticipato il presidente del Consiglio, Matto Renzi, nella lettera inviata il 3 gennaio agli iscritti al Partito democratico. Per quella data, però, bisognerà avere le idee già chiare. E quindi le prossime settimane serviranno a stringere il cerchio sulle decisioni da prendere. Sempre sulla base delle indicazioni pervenute dalla consultazione nazionale sulla “Buona Scuola”, svolta on line da metà settembre a metà novembre 2014.

 

{loadposition articologoogle}

ICOTEA_19_dentro articolo

 

La conferma che si è entrati nella fase operativa del piano riforma è arrivata il 5 gennaio, quando, in mattinata, il premier Renzi ha ricevuto a Palazzo Chigi il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini: è significativo anche il fatto che il titolare del dicastero di Viale Trastevere è stato tra i primi ministri ad essere ricevuto a Palazzo Chigi. Il programma di Renzi è infatti quello di riceverli tutti, uno ad uno nel corso della settimana: l’obiettivo è fare una ricognizione con tutti i ministri sull’agenda del Governo.

Con la Scuola che si conferma tra le priorità: sui contenuti del confronto, tuttavia, non è trapelato nulla. I due, però, dovrebbero aver parlato anche di valorizzazione e merito degli insegnanti: un punto su cui entrambi, Renzi e Giannini, puntano molto. Scatti di anzianità permettendo…

 

Metti MI PIACE sulla nostra pagina Facebook per sapere tutte le notizie dal mondo della scuola

Preparazione concorso ordinario inglese