Home Politica scolastica #riformabuonascuola: le “spiegazioni” di Renzi

#riformabuonascuola: le “spiegazioni” di Renzi

CONDIVIDI

Il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Stefania Giannini, ha presentato al Consiglio dei Ministri la riforma che prende il nome di “La Buona Scuola”.

Il punto di partenza per la composizione del testo – che verrà approvato nel prossimo Consiglio dei Ministri del 10 marzo – sono i risultati raccolti sul rapporto pubblicato sul sito labuonascuola.it  dal 15 settembre 2014 al 15 novembre 2014 grazie agli 1.800.000 partecipanti alla consultazione on-line e off-line, i 2040 dibattiti e il coinvolgimento del 70 per cento delle scuole.
“La Buona Scuola” avrà quindi come obiettivi:

• Rafforzare le competenze degli studenti con flessibilità nei programmi, inclusione e integrazione;

Icotea

• Avere un organico funzionale e potenziare l’offerta formativa;

• I dirigenti scolastici diventano leader educativi con strumenti e personale adeguati per il miglioramento dell’offerta formativa;

• Organi collegiali più efficaci e rappresentativi;

• Valutazione, formazione e carriera degli insegnanti;

• Un rapporto più stretto e stabile fra scuola e lavoro con alternanza obbligatoria nell’ultimo triennio delle superiori;

• Per quanto riguarda l’edilizia scolastica si vuole procedere con bandi per la costruzione di scuole altamente innovative, creare un’anagrafe dell’edilizia che sia trasparente sugli immobili della scuola e nuove risorse e procedure semplificate e più rapide per costruire nuove strutture;

• Una scuola digitale con un nuovo piano nazionale che metta al centro formazione dei docenti e competenze degli studenti;

• Una scuola che goda di una semplificazione amministrativa.

 

Queste le slides riassuntive messe a disposizione dopo la conferenza stampa.

    Video Renzi 3/3/2015

    [iframe width=”560″ height=”315″ src=”https://www.youtube.com/embed/uV8OuvXG1kI” frameborder=”0″ allowfullscreen ]