Home Didattica Ripensare il laboratorio tecnologico come palestra di innovazione

Ripensare il laboratorio tecnologico come palestra di innovazione

CONDIVIDI

Questi finanziamenti potranno arrivare, per un terzo, da fondi ordinari del Miur, e per gli altri due terzi da fondi Pon-Fesr e contributi di imprese e fondazioni private, attraverso schemi di co-finanziamento (in particolare per i laboratori più specializzati). In contemporanea è previsto anche un piano di formazione per i docenti, sempre attingendo dai fondi europei Pon.

In questo modo sarà possibile l’acquisto di nuovi macchinari come stampanti 3D, frese laser e componenti robotici. Le stampanti 3D offrono la possibilità di stampare e assemblare parti composte da diversi materiali con diverse proprietà fisiche e meccaniche in un singolo processo di costruzione.

Le tecnologie di stampa 3D avanzate creano modelli che emulano molto da vicino l’aspetto e le funzionalità dei prototipi. Una stampante tridimensionale lavora prendendo un file 3D da un computer e utilizzandolo per fare una serie di porzioni in sezione trasversale.

Icotea

Ciascuna porzione è poi stampata l’una in cima all’altra per creare l’oggetto 3D. Il frese laser è assimilabile al taglio laser che può tagliare molteplici materiali grazie alla grande energia concentrata in un punto. Con migliaia di impulsi al secondo il laser è in grado di scaldare il materiale al punto di asportarne una parte infinitesimale e quindi tagliarlo.

La velocità con cui si svolge questa operazione fa sì che il materiale non venga danneggiato dal surriscaldamento.

Infine i componenti robotici come i sensori, che a seconda del tipo e dell’utilizzo possono: dare una lettura direttamente nell’unità ingegneristica d’interesse (esempio nei termometri a mercurio);
essere collegati ad uno strumento indicatore (chiamato comunemente display) che provvedere a leggere il segnale e tradurlo in una comoda lettura nell’unità ingegneristica (essendo la maggior parte delle volte un segnale in tensione, il visualizzatore è spesso un qualche tipo di voltmetro opportunamente calibrato o settato allo scopo);
essere collegati ad uno strumento registratore che provvede a memorizzare il segnale per una sua successiva elaborazione (il più delle volte, quest’ultimo opera una conversione analogico-digitale che traduce il segnale in dati digitali, che vengono immediatamente memorizzati nello strumento stesso o su un computer collegato in remoto).