Home Pensionamento e previdenza Riscatto anni di laurea cumulabile con il congedo

Riscatto anni di laurea cumulabile con il congedo

CONDIVIDI

Ma a partire  dal 1° gennaio 2016, così come previsto dalla legge di Stabilità, che consente appunto il cumulo fra il riscatto del periodo del corso di laurea e quello dei periodi di congedo parentale collocati fuori dal rapporto di lavoro. L’Inps chiarisce con la circolare numero 44 del 29 febbraio 2016 che la facoltà è riconosciuta con riferimento alle domande presentate da tale data anche se aventi ad oggetto periodi antecedenti al 1 gennaio 2016.

Il regime di incumulabilità permane, invece, per le domande presentate precedentemente. Tuttavia, per non aggravare i procedimenti amministrativi, le domande presentate prima dell’1 gennaio 2016 e ancora pendenti, saranno definite d’ufficio dalle sedi competenti come se fossero presentate alla data del 1° gennaio 2016, con onere calcolato alla predetta data.

Icotea

Si ricorda che l’articolo 35 del Dlgs 151/2001, comma 5, che ha sostituito l’articolo 14, comma1 del Dlgs 503 del 1992, consente il riscatto dei periodi non coperti da assicurazione e corrispondenti a quelli che danno luogo al congedo parentale, collocati temporalmente al di fuori del rapporto di lavoro.

LA TECNICA DELLA SCUOLA E’ SOGGETTO ACCREDITATO DAL MIUR PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA E ORGANIZZA CORSI IN CUI È POSSIBILE SPENDERE IL BONUS.

{loadposition bonus}

Il riscatto, chiarisce Il Sole 24 Ore, può essere chiesto dai soggetti iscritti al fondo pensioni lavoratori dipendenti e alle forme di previdenza sostitutive ed esclusive dell’assicurazione generale obbligatoria per l’invalidità, la vecchiaia e i superstiti, nella misura massima di cinque anni, con le modalità di cui all’articolo 13 della legge 12 agosto 1962, numero 1338, e successive modificazioni, a condizione che i richiedenti possano far valere, all’atto della domanda, complessivamente almeno cinque anni di contribuzione versata in costanza di effettiva attività lavorativa. Pertanto, i periodi corrispondenti a quello dell’astensione facoltativa relativi ad eventi verificatisi al di fuori di un rapporto di lavoro, sono riscattabili, a domanda, fermo restando il requisito contributivo minimo di 5 anni, indipendentemente dalla collocazione temporale del periodo. Per quanto riguarda le modalità di calcolo degli oneri di riscatto, il comma 5 dell’articolo 35 conferma i criteri della riserva matematica di cui all’articolo 13 della legge 1338/1962.