Home Attualità Ritorno a scuola, per ripartire sevono subito 400 milioni. L’appello dell’UPI

Ritorno a scuola, per ripartire sevono subito 400 milioni. L’appello dell’UPI

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Prosegue il dibattito sul rientro in classe: se la polemica plexiglass prosegue in attesa di reali riscontri da parte degli esperti, sono tantissimi gli appelli per avere a breve delle indicazioni chiare per la riapertura delle scuole a settembre.

Appello dell’UPI: subito indicazioni per settembre

Fra questi appelli c’è anche la lettera al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e al ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina, inviata dal presidente dell’Upi, Michele de Pascale.

De Pascale punta innanzitutto sul fatto che il rientro a scuola è “una priorità su cui serve trovare al più presto soluzioni”.

ICOTEA_19_dentro articolo

“La tempistica per dare il via agli interventi di messa in sicurezza degli edifici deve essere accelerata, si legge su Il Sole 24 Ore, per non trovarci nella condizione di dovere risolvere il problema dell’apertura delle scuole nei primi quindici giorni di settembre”.

Il presidente dell’Unione Province italiane ritiene che “le indicazioni del Comitato Tecnico Scientifico e del rapporto del Comitato per la riapertura, poi, dovranno essere strettamente aderenti alla realtà effettiva delle scuole italiane o rischiano di non essere praticabili e di impedire, di fatto, la riapertura del 50% delle scuole superiori, quelle costruite prima del 1976 soprattutto nelle grandi aree urbane, che sono situate in palazzi antichi e non hanno spesso né palestra né Aula Magna. È del tutto evidente che in queste strutture non possono essere applicate norme rigide di distanziamento fisico, o non saranno considerate agibili”.

Rientro in classe: servono 400 milioni

“A questo – conclude la lettera del presidente dell’Upi – dobbiamo aggiungere la mancanza di risorse per Province, Città metropolitane e Comuni, destinate espressamente agli interventi per la riapertura delle scuole, senza le quali gli enti gestori non possono avviare alcun tipo di opera. Chiederci di utilizzare a questo scopo i pochissimi fondi oggi riservati alla messa in sicurezza delle scuole, quelli cioè che a fatica dopo anni abbiamo ottenuto per impedire che i solai cadano sulle teste degli alunni, non è praticabile né comprensibile. Il decreto Rilancio prevede un fondo di 1 miliardo, 400 milioni per il 2020 e 600 milioni per il 2021: almeno i 400 milioni del 2020 devono essere espressamente indirizzati a Province, Città metropolitane e Comuni agli interventi per la ripresa dell’anno scolastico”.

Insomma, tutti sono “affamati” di indicazioni chiare e precise sul rientro a scuola a settembre.

 

Plexiglass e visiere a scuola? Docenti e genitori bocciano l’idea della ministra

Preparazione concorso ordinario inglese