Home Attualità Ritorno in classe, il metro tra gli alunni non serve più: molti...

Ritorno in classe, il metro tra gli alunni non serve più: molti faranno lezione in mascherina nel banco tradizionale

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Il distanziamento si dovrà attuare tenendo conto del metro statico o dinamico? La distanza minima tra i banchi da quale punto andrà calcolata? E quella dal muro dovrà essere di 50 o 70 centimetri? Quali layout per le aule saranno più adatti? Sono le domande che per settimane hanno tormentato l’estate più complicata di sempre di dirigenti scolastici e ingegneri responsabili della sicurezza degli istituti. Metro alla mano, hanno fatto rilievi, prove e simulazioni. Alla fine, dai calcoli effettuati è emerso che oltre un milione di alunni non sarebbero potuti rimanere nelle loro aule, davvero troppo piccole per rispettare i limiti minimi imposti dagli esperti: tenendo conto delle non troppo chiare disposizioni contenute nelle Linee Guida prodotte dal ministero dell’Istruzione il 26 giugno scorso e del Protocollo d’inizio agosto, si è giunti del resto alla conclusione che in un’aula di 35-40 metri quadrati non sarebbero potuti entrare più di 15-16 alunni.

Tante classi da sistemare

Proprio l’indispensabilità di non derogare al distanziamento ha prodotto la necessità di trovare spazi aggiuntivi, anche all’esterno delle scuole: un’ipotesi caldeggiata dalla stessa ministra Lucia Azzolina che ha dato il suo consenso all’accoglimento degli alunni di troppo in sedi “acculturanti”, come i musei, i cinema, i teatri e le biblioteche. Secondo alcune stime, tale necessità sarebbe stata tutt’altro che marginale: addirittura si è parlato (forse esagerando) di 160 mila classi da “sistemare” in aree alternative.

Ora, probabilmente anche per i ritardi di consegna dei nuovi banchi e per via dei tempi ristretti per individuare gli spazi, considerando anche che il ministero dell’Istruzione continua a sollecitare i presidi per avere chiaro “il quadro degli interventi e delle necessità ancora in capo alle scuole”, si scopre che il distanziamento era solo auspicabile. Ma non proprio così indispensabile.

ICOTEA_19_dentro articolo

Il verbale che deroga al metro minimo

Il verbale del Comitato Tecnico Scientifico allegato alla nota ministeriale del 13 agosto firmata dal capo dipartimento Marco Bruschi e nel quale si caldeggia l’uso dell’app ‘Immuni’, contiene infatti la disposizione che non t’aspetti: nei casi in cui il distanziamento fisico non fosse possibile, le lezioni si faranno comunque, perché basterà indossare la mascherina.

Il verbale parla chiaro: “in eventuali situazioni in cui non sia possibile garantire nello svolgimento delle attività scolastiche il distanziamento fisico prescritto, sarà necessario assicurare la disponibilità e l’uso della mascherina, preferibilmente di tipo chirurgico”.

E l’importante disposizione, scrive la leader dello Snals Elvira Serafini, non è stata nemmeno concordata con le parti sociali e i sindacati.

In attesa dei banchi monoposto

La novità non è da poco. Perchè significa che gli alunni potranno stare anche vicini, a meno di un metro, seduti uno accanto all’altro sul vecchio banco biposto. E per molti non si tratterà di stringere i denti pochi giorni.

Già, perché nel frattempo la data di consegna inderogabile del 7 settembre, inizialmente imposta dal commissario Domenico Arcuri come data ultima per la consegna di 2 milioni di banchi monoposto e 400 mila sedute “innovative” con base di cinque rotelle, è stata spostata a fine ottobre (probabilmente con penali, uno scenario anticipato del resto dai produttori italiani).

In parole povere, almeno in classe per milioni di alunni l’anno scolastico inizierà come era finito tra fine febbraio e inizio marzo: con la sola accortezza della mascherina da indossare sempre, che non a caso lo Stato fornirà gratuitamente garantendo una produzione quotidiana di 11 milioni di pezzi.

Una condizione che potrebbe andare avanti per un mese e mezzo. Sempre che le 11 aziende produttrici facciano in tempo e produrre i banchi monoposto.

Preparazione concorso ordinario inglese