Home I lettori ci scrivono Ritorno in DAD in molte realtà, ma non in tutte. Perché?

Ritorno in DAD in molte realtà, ma non in tutte. Perché?

CONDIVIDI

La variante inglese del Sars-Cov-2 è molto più contagiosa e infetta maggiormente i bambini che, come purtroppo si sta constatando in queste ore, non solo la veicolano, ma ne subiscono i sintomi, a volte molto gravi.

La didattica a distanza è l’ultima spiaggia considerabile, ma prima si sarebbero potuti abbassare notevolmente i rischi, dimezzando le classi in due turni, garantendo un reale distanziamento, eliminando la mensa in presenza, come espresso nelle proposte presentate dal Coordinamento Nazionale Scienze della Formazione Primaria. 

Icotea

A Bologna, per citare solo una città, la situazione è talmente preoccupante che chiuderanno le scuole di ogni ordine e grado, a partire da lunedì 1° marzo 2021. Tutte le scuole, tranne l’infanzia e i nidi, perché, si sa, in una fascia d’età in cui non è richiesto di indossare la mascherina il virus non circola!Si apprende con crescente preoccupazione che la scuola non è il luogo in cui costruire un sapere collettivo in una comunità educativa, che sa riflettere e crescere, ma un parcheggio, anche a basso costo.

In quest’ottica non stupisce che la politica, finora, non abbia valorizzato la formazione degli insegnanti né abbia garantito una didattica di qualità. Solidarietà ai colleghi e alle colleghe di Bologna che, in una situazione allarmante, si sono presentati a lavoro con senso di responsabilità e professionalità e tanto sostegno ai colleghi dell’infanzia, ancora in presenza da lunedì.

Hanno pari dignità di tutti i docenti di ordine e grado e hanno diritto alla sicurezza come ogni cittadino. Infine, un ringraziamento immenso, visto che nessuno ha pensato di farlo prima, a tutti gli insegnanti della scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado che, dall’inizio dell’anno scolastico, hanno prestato servizio nella scuola italiana in presenza, rafforzando e consolidando gli obiettivi di apprendimento dello scorso anno e lavorando instancabilmente per essere in linea con la progettazione e la programmazione dell’anno corrente.

Non sono eroi, hanno fatto il loro dovere e aspettano, pazientemente, soluzioni immediate e concrete. Un Paese senza la scuola è un Paese che ha fallito.

Coordinamento Nazionale Scienze della Formazione Primaria Nuovo Ordinamento