Home Politica scolastica Diplomati magistrale in sciopero: “Vogliamo insegnare”. Fedeli: “Presto una soluzione”

Diplomati magistrale in sciopero: “Vogliamo insegnare”. Fedeli: “Presto una soluzione”

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Si ritorna a scuola dopo le vacanze di fine anno, ma è un ritorno a singhiozzo visto che è stato indetto uno sciopero dei diplomati magistrale, che si affianca a quello indetto dal Saese per lo stesso giorno

Tutto nasce dopo la sentenza del Consiglio di Stato che ha dichiarato che i diplomati magistrali non possono essere inseriti nelle Graduatorie ad Esaurimento.

Giovedì c’è stato un incontro al ministero tra sindacati e rappresentanti del governo, ma la fumata è stata nera.

ICOTEA_19_dentro articolo

Insegnanti in piazza a Viale Trastevere a Roma e davanti gli uffici scolastici regionali di Torino, Milano, Bologna, Cagliari, Bari e Palermo.

Secondo le stime della Cisl, le adesioni allo sciopero raggiungeranno al massimo la quota 20 mila (su circa 200 mila insegnanti di primaria e infanzia), considerando anche la solidarietà di altri colleghi, dunque circa il 3% del corpo docente.

“Abbiamo chiesto all’Avvocatura dello Stato di darci le linee attuative della sentenza del Consiglio di Stato. Appena arriverà la risposta, convocheremo le parti e troveremo le soluzioni più idonee”, ha detto la ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli intervista da Sky Tg24

La Tecnica della Scuola ha seguito con una diretta scritta lo sciopero dell’8 gennaio con contributi video e foto.

DIRETTA VIDEO da La Repubblica

Ha collaborato Luca Protettì, inviato a Roma

LE INTERVISTE

Piero Bernocchi (Cobas)

Marcello Pacifico (Anief)

LA GIORNATA IN DIRETTA

 

Preparazione concorso ordinario inglese