Home Politica scolastica Sciopero 8 gennaio per contratto e diplomati magistrali

Sciopero 8 gennaio per contratto e diplomati magistrali

CONDIVIDI

La vicenda dello sciopero dell’8 gennaio a sostegno della protesta dei diplomati magistrali che rischiano non solo la revoca dell’incarico a tempo indeterminato ottenuto  ma anche la cancellazione dalle GAE si sta complicando non poco.
Inizialmente lo sciopero era stato proclamato dal SAESE che nelle motivazione facevano riferimento esclusivamente ai problemi contrattuali.

Saese, Anief, CUB e Cobas

Successivamente, alla protesta si erano aggiunti Anief e CUB.
Negli ultimi giorni era arrivata anche la proclamazione dei Cobas che però avevano centrato lo sciopero sul tema dei diplomati magistrali indicendolo solamente per i docenti dell’infanzia e della primaria.
La Commissione di Garanzia ha però bloccato la convocazione dei Cobas che è stata considerata una autonoma azione e, essendo stata indetta senza il rispetto dei termini previsti per legge, è stata considerata illegittima.
A questo punto i Cobas hanno deciso di aderire semplicemente allo sciopero già proclamato dal SAESE evidenziando però la necessità che il problema dei diplomati magistrali venga affrontato in tempi brevi.

E ora c’è anche Unicobas

Negli ultimi giorni anche l’Unicobas ha deciso di partecipare alla protesta e, non potendo più formalizzare l’adesione, a causa della tempistica stabilita dalla legge,
sta comunque invitando gli assunti di fase ‘C’ e precari di primaria ed infanzia a scioperare l’8 gennaio 2018.
In una nota di pochissimi giorni addietro il sindacato di Stefano d’Errico sottolinea che “questo sciopero è stato proclamato senza la necessaria prassi unitaria e questo ha determinato l’impossibilità di aderirvi a causa dei termini imposti dalle norme sul diritto di sciopero, tanto che la Commissione di Garanzia ha dichiarato illegittima anche l’adesione formale dei Cobas”.
Per l’occasione D’Errico chiede che venga fissata al più presto la data per il rinno vo delle RSU e invita docenti e Ata simpatizzanti o comunque scontenti delle scelte dei sindacati rappresentativi a candidarsi nelle liste Unicobas.

In mezzo alla notizia