Home Attualità Sciopero generale del 26 ottobre, ci sono anche i lavoratori della scuola:...

Sciopero generale del 26 ottobre, ci sono anche i lavoratori della scuola: cosa prevede la normativa

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Come scritto in precedenza, alla sciopero generale di 24 ore del 26 ottobre indetto dalle sigle Usi, Cub, Sgb e Sial Cobas, parteciperanno anche i lavoratori della scuola.

Le politiche del lavoro che l’esecutivo ha in mente e che sta anche cercando di avviare non sono affatto convincenti per i sindacati e per questo motivo è necessario che i lavoratori e i cittadini facciano sentire la propria voce.

Fra i lavoratori più insoddisfatti gli ATA, che vorrebbero “aumenti veri in busta paga, assunzioni che ripristinino organici sufficienti, il rispetto della dignità del personale ATA, il diritto al pensionamento a 60 anni o con 35 anni di contributi”.

ICOTEA_19_dentro articolo

Trattandosi di uno sciopero generale, che riguarda anche trasporti e sanità, sono previsti disagi di mobilità e circolazione, specie nei centri maggiori.

Lo sciopero generale coinvolgerà infatti tutti i mezzi, tra cui treni, metro e bus, e toccherà anche gli istituti scolastici, tanto che in numerose scuole le lezioni sono a rischio.

Diplomati magistrale

La Cub scuola ha chiamato a raccolta i diplomati magistrale in vista della protesta di domani, 26 ottobre: “Il fine del Governo – sottolinea il Cub – è quello di usare i posti delle colleghe e  dei colleghi licenziati per poter accreditare nuove assunzioni che in realtà erano già previste in provvedimenti di un altro governo. Siamo, peraltro, di fronte ad un concorso truffa o, se si preferisce, a  imbuto nel quale 200mila precari, precari di ruolo(i riprecarizzati, la nuova razza) e colleghe e colleghi di ruolo parteciperanno per la 
ridicola quantità di 12mila posti tra infanzia e primaria”.

“La presa in giro più grande del secolo a fronte di enormi promesse  elettorali. La CUB tutelerà in ogni sede i colleghi licenziati con ricorsi al  giudice del lavoro, e impugnerà il bando di concorso e, in particolare, la tabella titoli”, conclude il sindacato.

Come funziona lo sciopero per i lavoratori della scuola che partecipano?

Prima di tutto, è bene chiarire che la normativa di riferimento è la legge 146/1990, a cui va affiancata anche la legge 83/2000. La scuola rientra fra i servizi pubblici essenziali, ragione per cui bisogna mantenere alcune prestazioni nonostante lo sciopero, che sono:

– lo svolgimento degli esami, degli scrutini finali e degli esami di idoneità;

– gli adempimenti da parte degli uffici di segreteria della scuola per assicurare il pagamento degli stipendi e delle pensioni;

– la vigilanza sui minori durante la refezione, quando non sia possibile prevedere una adeguata sostituzione del servizio.

La Legge 146/90, ricordiamo, prevede che in caso di sciopero nei servizi pubblici essenziali (tra cui la scuola) il Dirigente scolastico formi un gruppo minimo (contingente) di lavoratori che non sciopera per garantire le prestazioni indispensabili (o servizi minimi). Nella scuola tali contingenti esistono solo per il personale ATA o gli educatori di convitti o educandati e solo in determinate circostanze. Non è previsto alcun contingente per i docenti.

Prendendo come riferimento anche la scheda elaborata dal sito Flc Cgil, possiamo suddividere le operazioni necessarie, i diritti e i doveri del personale, in 2 passaggi: PRIMA DELLO SCIOPERO e IL GIORNO DELLO SCIOPERO.

Prima dello sciopero

Le organizzazioni sindacali sono tenute a comunicare la data e la durata dello sciopero con un preavviso di almeno 15 giorni. L’amministrazione, di conseguenza, è tenuta a trasmettere tutte le notizie sullo sciopero, assicurandosi che venga data all’utenza una informazione chiara, esauriente e tempestiva.

Prima dello sciopero, il Dirigente Scolastico invita i dipendenti a comunicare l’adesione o meno alla protesta;

Tuttavia, è d’obbligo ricordare che tale comunicazione è volontaria, dato che non esiste alcun obbligo da parte del dipendente di dichiarare in anticipo la propria volontà di scioperare.
Nel caso il lavoratore dovesse decidere di trasmettere la propria adesione o non adesione allo sciopero, quest’ultima comunicazione non può essere revocata.

Inoltre, sarà compito del preside comunicare alle famiglie, 5 giorni prima dello sciopero, le modalità di funzionamento o la eventuale sospensione del servizio previsti per il giorno di sciopero. La comunicazione è un obbligo della scuola non dei singoli docenti.

Il giorno dello sciopero

Per quanto riguarda il giorno in cui si svolgerà lo sciopero, nel caso dei docenti che decidono di partecipare, questi non sono tenuti a fare nulla, anche se è prassi comune, se non si è dichiarato in precedenza (volontariamente), far sapere lo stesso giorno dello sciopero le proprie intenzioni alla scuola.

Il personale docente che non ha aderito allo sciopero, deve assicurare la prestazione per le ore di lavoro previste, ma non può essere chiamato a lavorare per un numero di ore maggiore.
Tuttavia, il dirigente potrebbe disporre di cambiare orario, ma non il totale delle ore di lezione previsto per il giorno dello sciopero, o a cambiare classe per assicurare la mera vigilanza ad alunni.

Inoltre, il personale docente non scioperante può essere chiamato ad essere presente sin dalla prima orama non può essere tenuto a disposizione per tutta la giornata a scuola ma solo per l’orario che gli è stato comunicato preventivamente e pari a quello previsto per quel giorno. Nel caso di sospensione del servizio, il docente deve presentarsi a scuola, nel suo orario di lavoro o secondo le indicazioni date.

Infine, chi ha il giorno libero non può essere obbligato a dichiarare se sciopera o meno e non può comunque perdere la retribuzione. Inoltre, non può essere chiamato a scuola per sostituire docenti in sciopero.

 

Preparazione concorso ordinario inglese