Home Attualità Sciopero per il clima: se per Bussetti si deve giustificare l’assenza, per...

Sciopero per il clima: se per Bussetti si deve giustificare l’assenza, per tanti presidi no

CONDIVIDI

Il ministro dell’Istruzione Marco Bussetti aveva detto, a proposito della giustificazione dei ragazzi che aderiscono allo sciopero mondiale per il clima, indetto per oggi: «Si va regolarmente a scuola »

E invece, considerata la gravità del problema che i ragazzi stanno mettendo in primo piano, sembra crescere una sorta di  disobbedienza civile contro questa posizione “burocratica” di Bussetti.

I presidi con gli studenti per il clima

Quattro dirigenti scolastici di Torino —scrive La Repubblica— in nome dell’autonomia scolastica hanno emanato circolari in cui considerano venerdì 15 giorno di “ assenza giustificata” per chi andrà al “ Fridaysforfortune”.

ICOTEA_19_dentro articolo

Altri venti hanno sottoscritto l’appello alla manifestazione, ma non hanno abbonato la mattina ai ragazzi fuori dalle mura scolastiche, mentre in molti Paesi europei il “ Friday” è già considerato giornata di libera uscita per tutti.

Si applichi il regolamento per le gite

In ogni caso anche in alcune scuole di  Bologna, di Roma, di Monza, di Verona, L’Aquila e altre città italiane i presidi hanno scelto la strada di non trasformare in assenza la manifestazione se discenti e docenti usciranno insieme, in pratica  si applicherà il regolamento delle gite.

Gli istituti della capitale che avevano aderito, a ieri sera, erano trentadue.

L’Unione degli studenti ha chiesto il blocco della didattica.