Home Attualità Scuola e trasporti: sarà un novembre di scioperi

Scuola e trasporti: sarà un novembre di scioperi

CONDIVIDI
  • GUERINI

Finisce il mese di ottobre, si annuncia un novembre caldo sul fronte degli scioperi.

Il 10 novembre, sciopero generale convocato dai sindacati di base. I lavoratori di tutte le categorie e i comparti pubblici e privati aderenti a Orsa territoriale e Unione sindacale italiana-Usi, si fermano per l’intera giornata.

Icotea

In particolare, nel trasporto ferroviario i lavoratori che aderiscono a Cib-Unicobas, Cobas-Confederazione dei comitati di base, Unione sindacale di base incrociano le braccia sui treni a lunga percorrenza dalle 21 del 9 alle 20.59 del 10 novembre, su quelli regionali dalle 21 del 9 alle 17.59 del 10.

Si ferma anche il mondo della scuola: docenti, dirigenti e personale Ata di ogni ordine e grado in Italia e all’estero delle sigle Cobas-Confederazione dei comitati di base, Usb e Cib-Unicobas, oltre a prof e personale Ata di ruolo e non aderenti a Unicobas scuola e università. Il 10 disagi anche per la contemporanea raffica di mobilitazioni sul fronte del trasporto aereo: i controllori di volo dell’Enav che aderiscono a Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Ugl-T e Unica si fermano per 4 ore, il personale turnista dalle 13 alle 17 e quello normalista 4 ore a fine orario di servizio.

Il 21 novembre protestano i taxi, anche se la prosecuzione della trattativa potrebbe portare a un differimento dell’agitazione. Ad annunciare 24 ore di stop sono quasi tutte le sigle della categoria: Fast-Tpnl, Fita/Cnataxi, Fewdertaxi-Cisal, satam, Silt, Tam/Acai, Ugl-Taxi, Unimpresa, Uti, Claaai, Fit-Cisl Usb-Taxi, Mit, Faisda-Confail, Unica Taxi Cgil, Confartigianato-Taxi, Uri, Uiltrasporti e Uritaxi.

Giornata calda, quella del 21 novembre, anche per il settore del trasporto aereo a causa della mobilitazione di quattro ore – dalle 13 alle 17 – del personale dipendente delle società di handling aeropo

La scuola si ferma per la seconda volta nel mese il 27 novembre per lo sciopero nazionale proclamato dal sindacato Saese (Sindacato autonomo europeo scuola ed ecologia) che riguarda prof e personale Ata a tempo determinato, indeterminato, atipico e precario.