Home Attualità Scuole aperte anche d’estate, ma non come baby sitter

Scuole aperte anche d’estate, ma non come baby sitter

CONDIVIDI

Scuole aperte anche d’estate. Lo prevede il Miur che ha lanciato il bando “Scuole al centro”. Lo scorso anno l’idea fu sperimentata solo in alcune città italiane e destinata, soprattutto, per i quartieri a rischio. In totale la scorsa estate furono presentati 140 progetti sui 270 previsti dal Miur. Ad ogni istituto 15mila euro.

 

PIANO NAZIONALE – Quest’anno si cambia: il piano diventa nazionale e sono stati stanziati 240 milioni di euro che dovrebbero consentire a circa 6 mila scuole di rimanere aperte, garantendo alle famiglie e al territorio un presidio di contrasto alla dispersione scolastica e al disagio sociale.

Icotea

 

 

RESTRIZIONI – I progetti – così come segnala Il Corriere del Mezzogiorno – devono garantire almeno 60 ore extra di potenziamento delle competenze di base (tra cui la lingua italiana) e almeno 60 ore extra di sport ed educazione motoria. A queste, si aggiungeranno quattro moduli (da 30 ore ciascuno) che dovranno essere coerenti con il Piano dell’offerta formativa e potranno riguardare il rafforzamento della lingua straniera o le competenze digitali e ancora l’orientamento post-scolastico, la musica e il canto, l’arte, la scrittura creativa, il teatro, i laboratori creativi e/o artigianali per la valorizzazione delle vocazioni territoriali, l’educazione alla legalità e la cura dei beni comuni. Ogni scuola potrà ricevere 40mila euro. 

 

SCUOLA COME BABY SITTER – Attenzione, però. Questi programmi non possono essere realizzati come attività sporadiche. Bisogna, pertanto, puntare sulle competenze. A scuola per imparare, non per divertirsi. I docenti non sono baby sitter e tutto deve essere finalizzato alla formazione.

 

{loadposition carta-docente}