Home Attualità Scuole, tra apprendisti Stregoni e Preti esorcisti?

Scuole, tra apprendisti Stregoni e Preti esorcisti?

CONDIVIDI
  • Credion

I casi di dirigenti scolastici stravaganti che nelle loro scuole invitano personaggi discutibili si ripete in una scuola della provincia di Brescia. In tale scuola Si sarebbe svolta una vera e propria lezione di stregoneria, ma l’esperta invitata dalla scuola si difende.

IL CASO DI STREGONERIA A SCUOLA SOLLEVATO DAL SENATORE PILLON DELLA LEGA

Icotea

Il neo Senatore della Lega Simone Pillon solleva il caso, così leggiamo dal suo profilo facebook, di una lezione di “stregoneria” che si sarebbe tenuta in una scuola elementare di Mocasina, frazione del comune di Calvagese della Riviera in provincia di Brescia. Il Senatore ha già annunciato che, quando si saranno insediate le Camere del Parlamento, presenterà una interrogazione parlamentare sul caso della lezione di stregoneria fatta a scuola. Perché, sostiene Pillon, è la Costituzione a garantire il diritto dei genitori, e solo dei genitori, a educare i propri figli. La lezione di stregoneria che si sarebbe tenuta a scuola avrebbe visto i bambini costretti a “bere pozioni magiche, a “dipingersi dei simboli sulle braccia” mentre venivano “invocati gli spiriti e regalati amuleti”.

Il personaggio chiamato nella scuola primaria di Mocasina a tenere la stravagante lezione è Ramona Parenzan, laureata in filosofia, che si definisce “Raccontastorie immaginosa”, amante della poesia e della letteratura del mondo. Nel profilo facebook della Parenzan, in risposta al caso sollevato dal neosenatore leghista è stato scritto il seguente messaggio:” Ieri fiabe a Lonato, oggi in una biblioteca di Brescia e Lunedi a Como. Infinite grazie di cuore per i messaggi di solidarietà e conforto che continuano ad arrivare. Questi gesti mi commuovono moltissimo e spero servano a tutte/i noi che davvero possiamo farcela, nonostante i mala tempora, comunque, ovunque”.

IL CASO SOLLEVATO DALLA NOSTRA TESTATA IN UNA SCUOLA DELLA CALABRIA

La nostra testata l’8 dicembre 2017 aveva sollevato un caso curioso accaduto in una scuola calabrese, nella quale, durante un Collegio docenti straordinario svoltosi a novembre 2017, la dirigente scolastica raccontava un episodio accaduto in uno dei plessi della scuola primaria dell’Istituto, dove due maestre avrebbero visto alcuni bambini giocare al gioco messicano dell’evocazione dello spirito di Charly. La decisone della Ds, comunicata al Collegio, era stata quella di organizzare un incontro con esperti della materia di questi strani giochi. Nel volgere di qualche giorno, la Ds organizzava un incontro tra docenti e genitori alla presenza di un famoso sacerdote calabrese, noto per i suoi studi teologici sul campo dell’esorcismo, un allievo del famoso prete esorcista Padre Gabriele Pietro Amorth.

Il caso suscitò curiosità e scalpore, tanto da interessare anche il Corriere della Sera che prendendo spunto dal nostro articolo partì con un’inchiesta. Il tutto culminò, prima delle vacanze di Natale 2017, con una visita ispettiva richiesta direttamente dal MIUR