Home Attualità Scuole d’estate, Fedeli: aprirle può salvare gli studenti a rischio

Scuole d’estate, Fedeli: aprirle può salvare gli studenti a rischio

CONDIVIDI

Sembra essere diventato il tormentone del momento: stiamo parlando delle scuole aperte nel corso dell’estate.

Il tema è stato riproposto, il 17 giugno, alla ministra dell’Istruzione, Valeria Fedeli, intervenuta a Firenze ad una iniziativa della Fiom.

Icotea

“L’apertura delle scuole d’ estate – ha dichiarato la ministra – è un tema serio e bisogna saperlo affrontare. Innanzitutto è uno strumento, prima ancora che per le esigenze delle famiglie, per offrire agli studenti opportunità con possibilità di conoscenza che non sono dentro la fase dell’anno scolastico”.

 

{loadposition carta-docente}

 

Aprire una scuola a fine giugno, luglio e agosto “serve anche nelle realtà con maggiore dispersione scolastica – ha concluso – per offrire ai ragazzi alternative ulteriori a quelle di cui dispongono. Ci saranno sport, cinema, teatro”.

Nei giorni scorsi, sempre la Fedeli, aveva sottolineato che a condurre queste attività non devono essere gli insegnanti (prendendo così le distanze dalla posizione espressa da Stefania Giannini, che l’aveva preceduta a viale Trastevere). Una specifica, quella espressa dall’attuale responsabile del Miur, che ha riscosso non pochi plausi.

{loadposition facebook}