Home Sicurezza ed edilizia scolastica Scuole da verificare strutturalmente in molte città colpite dal sisma

Scuole da verificare strutturalmente in molte città colpite dal sisma

CONDIVIDI

Dopo le scosse di terremoto nel Centro Italia, diversi Comuni hanno deciso di chiudere le scuole. Nel dettaglio resteranno chiusi gli istituti di Teramo, Ascoli Piceno, Terni, Perugia, Rieti, L’Aquila, Assisi, Foligno e in tutti i Comuni delle Marche per consentire i controlli e le verifiche sugli edifici.

Si ricorda che l’art. 2, comma 3, dell’OPCM 3274/2003 stabilisce che “è fatto obbligo di procedere a verifica, da effettuarsi a cura dei rispettivi proprietari, pubblici e privati, sia degli edifici di interesse strategico e delle opere infrastrutturali la cui funzionalità durante gli eventi sismici assume rilievo fondamentale per le finalità di protezione civile, sia degli edifici e delle opere infrastrutturali che possono assumere rilevanza in relazione alle conseguenze di un eventuale collasso”.

Icotea

Sono escluse da tale obbligo soltanto le opere costruite o adeguate ai sensi delle norme sismiche emanate successivamente al 1984 e a condizione che siano situate in zone per cui la classificazione sismica non risulti più severa rispetto a quando sono state progettate o adeguate. In particolare, il comma 3 dell’art. 2 dell’ordinanza citata prescrive l’obbligo per i singoli proprietari di verifica sismica degli edifici e delle opere stesse; mentre il comma 4 prescrive l’obbligo per lo Stato e per le Regioni di procedere alla redazione dei piani temporali delle verifiche, degli elenchi degli edifici e delle opere da verificare, delle indicazioni tecniche da fornire ai proprietari degli edifici e delle opere per uniformare lo svolgimento delle verifiche stesse.