Home Precari Scuole paritarie, sì ai docenti non abilitati in cattedra. Il caso dell’Usr...

Scuole paritarie, sì ai docenti non abilitati in cattedra. Il caso dell’Usr Toscana

CONDIVIDI

Il personale docente non abilitato può essere ammesso all’insegnamento presso gli istituti paritari? Sì, a questo proposito, è utile richiamare la nota del 10 ottobre 2017 dell’Ufficio scolastico regionale della Toscana, il quale – dopo avere dato atto che la legge 62/2000, articolo 1, comma 4, prevede che la
parità sia riconosciuta alle scuole non statali che ne fanno richiesta e che, in possesso di determinati requisiti, si impegnano a reperire personale docente fornito del titolo di abilitazione – ammette tuttavia che: “Nonostante tale previsione, in occasione della presentazione delle istanze di riconoscimento della parità per l’a.s. 2017/18 è emersa nuovamente la difficoltà delle
scuole di prossima apertura di reperire personale docente
abilitato. Anche le scuole già funzionanti come paritarie manifestano da tempo crescenti difficoltà ad adempiere a tale prescrizione normativa”.

Nota MIUR Prot. N. 15627 Del 10.10.2017

L’Usr Toscana ha deciso, in attesa di chiarimenti ministeriali,
di limitarsi a chiedere – alle scuole che risultassero non avere docenti abilitati – di giustificare le modalità con le quali è stata condotta la ricerca di personale dotato dei requisiti previsti e le ragioni di forza maggiore che ne hanno impedito il reperimento. È
quindi chiaro che, in mancanza di personale abilitato disponibile, è consentita l’assunzione di personale non abilitato, come peraltro avviene anche nello Stato.

In mezzo alla notizia

L’Ufficio scolastico toscano fa notare, inoltre, la discriminazione fra statali e paritarie, con quest’ultime che non possono assolutamente far ricorso a docenti non abilitati, mentre le scuole statali possono – a determinate condizioni – attingere a personale non abilitato.

Un provvedimento che fa discutere e crea un precedente con gli uffici scolastici d’Italia che potrebbero prendere spunto dai colleghi toscani.

CONDIVIDI