Home Attualità Scuole Puglia. Bari e Taranto verso la chiusura. Emiliano: governo timido

Scuole Puglia. Bari e Taranto verso la chiusura. Emiliano: governo timido

CONDIVIDI
  • Credion

I dati Covid crescono e interviene, a commentarli, l’assessore alla Sanità Pierluigi Lopalco, che ai giornalisti di Repubblica dichiara: “I numeri sono in crescita, abbiamo superato i famosi 250 contagi per 100mila abitanti sia nella provincia di Bari sia in quella di Taranto.” Dati dunque che condurranno le province di Bari e Taranto in zona arancione o più probabilmente rossa, con relativo passaggio di tutte le scuole alla didattica a distanza per tutti i gradi, così come stabilito dall’ultimo Dpcm.

ISCRIVITI al nostro canale Youtube

METTI MI PIACE alla nostra pagina Facebook

Il Governatore Emiliano

Il Governatore Emiliano sul proprio profilo Facebook qualche giorno fa torna sulla questione della chiusura delle scuole e del ricorso alla DaD, motivando le scelte della Regione Puglia come prese alla luce delle richieste dei cittadini, e fa riferimento a una mamma che accusa una maestra di avere infettato 14 bambini.

Icotea

Il Governatore Emiliano le risponde così: “Non possiamo chiudere noi Regioni le scuole e tutto il resto, lo deve fare il governo che ha praticamente privato le Regioni di tutti i poteri di contenimento della curva epidemica, anche a scuola, che possono essere esercitati solo nell’intervallo di tempo tra un dpcm e l’altro e solo a condizioni molto particolari di peggioramento dei dati. Il risultato della timidezza del governo con il fenomeno del contagio scolastico e del depotenziameto dei poteri delle Regioni potrebbe essere l’accelerazione della variante inglese e della terza ondata.”

Scarso approvvigionamento dei vaccini

E lamenta uno scarso approvvigionamento di vaccini: “Al sud, Puglia e Campania su tutte, si mandano meno vaccini che in altre regioni del nord e del centro che avendo il doppio degli ospedali e degli addetti alla sanità se ne prendono molte di più di noi. Eppure combattiamo senza tregua e stiamo per finire di vaccinare tutto il personale scolastico, speriamo entro metà mese di marzo.”

LEGGI ANCHE