Home Attualità Se i bambini in Cina hanno il metro in testa

Se i bambini in Cina hanno il metro in testa

CONDIVIDI
webaccademia 2020

La Cina, si sa, è la nazione delle grandi invenzioni, a partire dalla polvere pirica agli spaghetti, e poi della carta, la bussola e pure della porcellana, da cui sono derivati i famosi vasi, detti cinesi, appunto, perché fabbricati da quelle parti (altrimenti si sarebbero chiamati in altro modo) e poi col tempo diventati così preziosi da essere persino collezionati.

Scoperta cinese

Ora dalla Cina ci arriva un’altra scoperta, non altrettanto importante, come i vasi o la polvere pirica, ma del livello degli spaghetti che si trovano in abbondanza nelle nostre cucine, tanto che, quando si vogliono caratterizzare gli italiani all’estero, si dice “spaghetti”.

Il metro da cappello

L’altra scoperta, singolare in verità e recentissima, e di cui ci siamo già occupati, è il metro che hanno depositato sulla testa dei bambini delle scuole in modo da costringerli a tenere le distanze fra di loro, per non  contaminarsi reciprocamente, rispettando così quella che tutti chiamano “distanza sociale”, con termine tanto inadatto quanto classista.

ICOTEA_19_dentro articolo

Ma hanno pure imposto loro la mascherina, sempre in classe e nonostante il metro in testa, che poi è in effetti di due metri: uno si dirige verso destra e l’altro verso sinistra, senza avere calcolato però che c’è pure una distanza nord-sud, cioè  quella di davanti e l’altra di dietro.

Integrazione all’invenzione?

Non abbiamo le certezze, ma nulla di strano che arriva una integrazione all’invenzione, vale a dire una bella croce, di un metro per lato, fissata sui berretti dei bambini per avere così la certezza, matematica e del tutto definitiva, che in tutte le direzioni ci sia la distanza prevista anti contagio.

Il “cappello da metro” per ora in Cina è realizzato col cartone, nella speranza che qualcuno non inventi un materiale più pericoloso, e, in attesa di sapere quando in Italia, considerate le incertezze sui tempi, riapriranno le scuole, non vorremmo che tale singolare scoperta sia anche da noi imitata, anche perché potrebbe andare a finire come gli spaghetti: i cinesi creano e a noi tutto il merito della diffusione.

Preparazione concorso ordinario inglese