Home I lettori ci scrivono Se i trasporti non ci saranno, si sta discutendo di niente

Se i trasporti non ci saranno, si sta discutendo di niente

CONDIVIDI
  • Credion

Caro Presidente Draghi,

sono un dirigente scolastico di scuola superiore del Veneto e Le scrivo perché ho a cuore la scuola, che conosco dal di dentro.

Icotea

In questi giorni è ripresa la discussione su come far riprendere le lezioni a settembre in sicurezza ed in presenza.

E spesso si ferma o si impantana sulla questione dei vaccini, da somministrare a studenti e a docenti e non.

Ieri l’altro INVALSI ha fatto sapere gli esiti funesti delle scuole superiori, per le quali la DAD ha fatto regredire i risultati, in italiano e matematica soprattutto, a livelli di terza media per una percentuale aumentata e cospicua di studenti.

In sostanza INVALSI ha decretato per tabulas la inefficacia della didattica a distanza.

Due anni fa, 2019/20,  il Covid ha tenuto a casa i ragazzi da marzo fino al termine delle lezioni e tutti furono promossi ex lege.

Nell’anno ormai concluso, 2020/21, teoricamente si è potuto bocciare, ma tenendo in debita considerazione la situazione Covid.

Ricci, dell’INVALSI, lo ha certificato indirettamente e ha chiaramente detto che la DAD non può più essere.

E’ proprio cosi.

Ma basta vacui proclami e ovvie dichiarazioni di intenti.

Chi deve decidere, decida in favore dei ragazzi: la scuola deve tornare in presenza. E non basta più soltanto pensarlo o dirlo.

Pensi, Presidente, a cosa è successo quest’anno scolastico al rientro dopo Pasqua.

Era stato appena emanato il DL 52/2021, che all’art. 3, prevedeva nelle zone gialle o arancioni  la ripresa della didattica in presenza, dal 26 aprile e fino alla fine delle lezioni, per almeno il 70% e fino al 100% degli studenti, demandando tale  flessibilità nella percentuale all’ autonomia organizzativa delle singole scuole.

Invece, di fatto, in Veneto ad esempio, nelle Province dove io ho diretto due scuole,  a Padova e Vicenza, tanto non è accaduto. In quelle Province, infatti, i cd tavoli di coordinamento delle Prefetture hanno condizionato il rientro in presenza al sistema dei trasporti, urbani ed extraurbani.

Ne è conseguito che, a causa della incapienza o incapacità del sistema combinato dei trasporti che non poteva garantire percentuali maggiori,  il 70% minimo previsto dal DL 52 del 70% di fatto è divenuto purtroppo il massimo, non superabile. Incredibile, ma vero!.

Così si è reso vano il disposto del DL 52. Inutile la capacità organizzativa delle singole scuole.

Invertito il rapporto di servizio fra trasporti e istruzione: mentre i trasporti dovrebbero condizionarsi alle scuole, di fatto le scuole hanno dovuto adeguarsi alla insufficienza dei trasporti!!!

Ora, Presidente, per non essere facile e cattivo profeta, affinchè ancora una volta i trasporti non costituiscano un ostacolo insormontabile alla ripresa della didattica in presenza non ci si concentri solo sui vaccini, sull’obbligo dei vaccini, sul green pass, eccetera.

Se i trasporti non ci saranno si sta discutendo di niente!

Buon lavoro, Presidente.

Giuseppe Sozzo