Home Attualità Senza scuola in presenza, per tanti ragazzi non c’è salvezza

Senza scuola in presenza, per tanti ragazzi non c’è salvezza

CONDIVIDI
  • Credion

In un articolo pubblicato oggi sul Corriere della Sera, Vincenzo Rosati, insegnante napoletano che opera all’interno del progetto IoValgo presso la scuola CasArcobaleno nel quartiere di Scampia, si pone una domanda più o meno retorica: “Ma davvero possono usufruire tutti della Dad? Il diritto allo studio (per ora a distanza) è stato tutelato e garantito per le fasce più povere e deboli della popolazione?”
La risposta, secondo Rosati, è del tutto negativa.
L’insegnante così argomenta: “Guardiamo nelle periferie, dove vive la maggior parte di questa popolazione che di anno in anno cresce considerevolmente. Se durante il periodo ante-Covid la situazione socio-culturale nelle periferie, dove vivono (o giacciono) i dimenticati, era grave, adesso è una tragedia in atto”.
“Nei soli 4 kmq di estensione del quartiere ci sono quasi 100.000 abitanti – spiega Rosati – e la Dad non fa che amplificare i profondi disagi familiari con cui si è costretti a vivere come in un carcere. Seguire le lezioni da casa non è facile quando non si ha alcuno strumento elettronico né connessione alla rete né tantomeno una stanza propria per poter seguire le lezioni, ma solo uno smartphone e un divano letto o un tavolo della cucina da condividere con altri fratelli o sorelle, con la mamma o il papà, magari agli arresti domiciliari, o la compagna o il compagno di questi che non accetta i figli e in alcuni casi li maltratta”.
“E’ un fatto grave – conclude l’insegnante napoletano – che le periferie vengano ancora una volta lasciate per ultime, ma è ancora più grave che la risposta educativa alla situazione emergenziale creata dal Covid-19 non sia partita anzitutto dalle fasce più deboli”.

Priorità alla Scuola protesta contro la Didattica a distanza aderendo anche allo sciopero del 26 marzo

ISCRIVITI al nostro canale Youtube

METTI MI PIACE alla nostra pagina Facebook