Home Generale Shoah: “Io mi ricordo di te” in streaming dalla Bicocca, rivolto alle...

Shoah: “Io mi ricordo di te” in streaming dalla Bicocca, rivolto alle scuole

CONDIVIDI

Mercoledì 27 gennaio 2021, in occasione della Giornata della memoriauna pagina del sito dell’Università di Milano-Bicocca sarà dedicata ai testimoni dell’orrore della Shoah attraverso video, fumetti, disegni e canzoni cui daranno voce e volto artisti, studenti, docenti e cittadini.

L’Evento in streaming avrà inizio alle ore ore 10 del 27 gennaio col titolo: “Io mi ricordo di te”. 

Icotea

Inoltre, dieci artisti: Beatrice Aiello, Alessandro Anglani, Eleonora Belcamino, Mia Benedetta, Filippo Gattuso, Gennaro Lucci, Rodolfo Medina, Carlotta Natoli, Simonetta Solder Chiara Tomarelli, interpreteranno una storia dando voce e volto ai testimoni dell’orrore della Shoah.

Ad aprire l’incontro sarà la rettrice dell’Università di Milano-Bicocca, Giovanna Iannantuoni, seguiranno gli interventi del ministro dell’Università e della ricerca, Gaetano Manfredi e della delegata della rettrice alla Comunicazione, Maria Grazia Riva.

Il confronto sul significato della ricorrenza celebrata il 27 gennaio avrà tuttavia il suo punto focale con gli interventi di Miriam Camerini, regista teatrale e studiosa di ebraismo e Davide Romano, editorialista de La Repubblica. 

Monica Guerra, docente di pedagogia generale e sociale dell’Ateneo presenterà l’azione partecipata che ha visto l’adesione di numerosi cittadini e scuole di ogni ordine e grado e che prosegue l’azione avviata lo scorso anno con il duo artistico Ravani&Urrazza. 

Si discuterà anche sull’importanza della conoscenza e della memoria per l’educazione della cittadinanza e per lo sviluppo di una coscienza condivisa che possa scongiurare il ripetersi di ogni forma di discriminazione.

Gli attori: Fabrizia Sacchi, Cristiana Capotondi, Marco Bonini, Edoardo Leo di UNITA (Unione Nazionale Interpreti di Teatro e Audiovisivo), discuteranno invece sul valore etico della memoria,  inteso come strumento insopprimibile dell’essere umano  e sulla memoria intesa come serbatoio della storia e della cultura.